mercoledì 13 febbraio 2013

Franz Von Stuck


Il pittore Franz Von Stuck (1863-1928) è stato uno dei più celebrati artisti tedeschi già da vivo. Ottenne il pieno successo prima ancora di compiere trent’anni. Le sue tele riuscivano a esprimere e solleticare l’immaginario collettivo di un’epoca: il decadentismo, il potere dell’eros (accentuato dalle coeve tesi di Sigmund Freud) e ovviamente la figura della donna fatale.


La donna è il fulcro della sua pittura. Non è l’unico soggetto da cui traeva ispirazione, ma le opere più famose sono sempre incentrate su un personaggio femminile che emana una torbida, inquietante sensualità. La Eva del “Peccato” (accanto) o la modella che posa per il “Vizio” (qui sotto) cercano di trascinare l’uomo in un abisso non solo passionale.
La scelta deliberata di enfatizzare l'oscurità rende i quadri ben leggibili solo se ammirati nel dettaglio (traduzione per gli eventuali lettori di questo post: non accontentatevi dell'icona ma cliccate sulle immagini per visualizzarle con uno zoom più ampio)



Un’altra celebre variazione sul tema, “Il bacio della Sfinge” (qui sotto), libera in pieno la potenza dell’attrazione sessuale e dell’amore folle in cui può cadere l’uomo. Naturalmente non potevano mancare le due femmes fatales più celebri nella tradizione biblica e romana: Salomé e Circe (per quest’ultima la modella del quadro fu l’allora celebre attrice austriaca Tilla Durieux. É l'immagine che chiude il post).


Insomma, un artista pienamente fin-de-siècle, e per tale motivo apprezzatissimo da questo umile blogger che, come saprete, vive in una torre d’avorio nel lontano 1908.

16 commenti:

  1. Questo tipo di pittura non è proprio tra le mie preferite, soprattutto per la troppo poca luce. Ma questo non vuol dire che l'autore non trasmetta comunque un proprio messaggio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ovviamente è uno stile talmente specifico da non poter risultare neutrale, per così dire. O piace molto o non piace affatto, vie di mezzo non ce ne sono.

      Elimina
  2. Mi associo completamente a Tim. Il messaggio lo trasmette davvero tanto, ma non mi piace l'oscurità. Però quel bacio mi piace molto :)

    RispondiElimina
  3. Anche a me il bacio sfingesco piace assai!!!! ^____^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Uno dei più passionali che ho visto in pittura.

      Elimina
  4. Sono sempre rimasta colpita dalla tua vasta erudizione dell'arte...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ti ringrazio, ma in realtà sono solo un dilettante che ama le arti figurative, senza alcuna formazione alle spalle né reali cognizioni in materia.

      Elimina
  5. Opere molto suggestive e visivamente potenti, con una carica sensuale insospettabile per l'epoca.
    Ottima segnalazione.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sempre onorato del tuo apprezzamento per le mie segnalazioni in ambito figurativo.

      Elimina
  6. Invece a me l'oscurità che avvolge le protagoniste femminili piace molto.
    Fantastico il bacio sfingesco.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. L'oscurità, se usata correttamente (vedi i quadri del Caravaggio) può avere esiti straordinari in pittura.

      Elimina
  7. Il genere non lo amo, ma il valore salta agli occhi!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ovviamente c'è sempre il discorso dei gusti.

      Elimina
  8. semplicemente stupendo.
    palazzo reale
    milano

    RispondiElimina