lunedì 30 dicembre 2013

Bilancio del blog nell'anno solare 2013

Da bravo contabile (anche se come impiegato contabile, a dire il vero, non sono mica tanto bravo) so bene che un bilancio si redige sempre e comunque partendo dai numeri. Le bugie si aggiungono successivamente.
Ebbene: i post pubblicati nel corso del 2013 sono stati 82; nel 2012 avevano raggiunto quota 128, pertanto c'è stato un calo percentuale pari a... boh, la formula matematica per estrapolare il dato in questione non me la ricordo. Comunque, i post sono calati.
I contatti hanno superato di poco i ventunomila, perciò rispetto all'anno scorso sono in diminuzione di alcune migliaia (così su due piedi non saprei specificare quante, però sono di meno e non di più).
Anche gli ebook venduti sono diminuiti, visto che non riesco neppure a raggiungere quota duecento sul mio report annuale del kindle direct publishing.
Gli anni invece sono aumentati: ne ho uno in più, ma presumo che ciò non costituisca un dato particolarmente rilevante, e neppure originale.
Insomma, concludendo lo definirei un bilancio negativo caratterizzato da un forte elemento di recessione rispetto all'anno precedente.
Vedremo se nel 2014 ci sarà la ripresa o il collasso finale (purtroppo la frase potrebbe riguardare non solo il blog, ma al momento preferisco uno scaramantico silenzio).
Restano gli auguri. Almeno quelli non diminuiscono, sono sempre tanti, tantissimi per tutti i lettori del blog. Che l'anno nuovo vi possa portare ciò che più desiderate dalla vita :-)

16 commenti:

  1. Il mio superficiale bilancio si rifà a manga/libri letti, a film/drama/anime visti, a lavoretti realizzati.. negativo anche il mio!
    Per quello che riguarda tutto il resto della mia vita.. non sto a sognare qualcosa di fantastico ma se almeno continuasse così mi andrebbe bene.. c'è troppa oscurità tutt'intorno! <_<

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' già bello che tu possa dire una cosa del genere, vuol dire che la tua vita in fin dei conti va bene. E ti auguro che continui così :-)

      Elimina
  2. Da 128 a 82 il calo è del -35,94%. Tanta roba. Ma devi tenere in considerazione che 128 era un gran bel numero. Difficile ripetere una simile performance! Buon Anno!

    RispondiElimina
  3. Beh, io sono sceso da 295 post a 240, contando quello di domani che segnerà anche la chiusura del blog (se non definitiva, almeno per parecchio tempo).
    Quindi, una flessione leggera, dove c'è stata la flessione "vera" è stato nella voglia di raccontare e nella convinzione che là fuori c'è abbastanza gente interessata a sentire cos'hai da dire.
    Quindi, ti capisco bene, ed è col medesimo tuo spirito che ricambio i tuoi auguri, convinto che avremo entrambi altre e nuove strade da battere. ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Altre e nuove strade da battere vanno sempre bene. L'idea di chiudere il blog in futuro non mi spaventa, ma non vorrei restare senza valvole di sfogo.
      Speriamo davvero di trovarle.
      Buon 2014 :-)

      Elimina
  4. 80 post è un buon numero. Io ho raggiunto quest'anno (casualmente) proprio 128 - dev'essere un numero magico, o cosa... Però con un certo numero di interventi poco impegnativi e nati sul momento o di interludio. 80 post è comunque un buon numero!
    Tanti auguri per un 2014 più sereno (io tifo per la ripresa).

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie, speriamo che la ripresa ci sia davvero :-)

      Elimina
  5. Auguri per un grande 2014, Ariano!

    RispondiElimina
  6. nel 2014 avrai un anno in meno se fai bene i conti. Più bello di così

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hanno inventato la macchina del tempo? Auguri :-)

      Elimina
  7. Auguri anche a te, Ariano! i numeri, secondo me, sono sempre un pessimo modo per calcolare le cose della vita (anche se aiutano), per cui grazie per il tuo spazio e per come lo riempi!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie a te per come riempi lo spazio che ci separa ;-)

      Elimina
  8. Beh, il modno reale fa schifo… se dobbiamo parlare di recessione anche sui blog mi viene la depressione… meglio pochi ma buoni, no? :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Era per dire. Comunque, considera che la ditta in cui lavoro ha richiesto la cassa integrazione, quindi sono prettamente coinvolto anche dal mondo reale da queste situazioni...

      Elimina