domenica 14 giugno 2015

Repliche estive

Visto che non ho ancora metabolizzato la situazione (da lunedì rientro al lavoro a tempo pieno, ma avrò sette colleghi in meno che hanno ricevuto la lettera di licenziamento e qualche perplessità in più sulle reali prospettive future dell'azienda) per adesso non saprei cosa scrivere di nuovo sul blog, perciò faccio come i canali televisivi in estate: mando in onda delle repliche.
Per chi ha voglia di leggerezza questi sono i divertissment, articoli poco seri improntati all'umorismo (ovviamente richiamandoli tramite il tag appaiono in senso cronologico inverso, dall'ultimo al primo):

Compendio sui centri commerciali
Come diventare quarantenni senza affanni
Vita (a)sociale
Come essere paranoico
Le macchinette self-service
Le mie debolezze
La fine del mondo del 2012 (il famigerato calendario Maya)
Storia del progresso umano - un nonsense
Utili consigli per la vita di coppia
Filosofia di un automobilista bastardo

Per chi preferisce le curiosità letterarie, l'architettura e la pittura, i link sono questi che seguono:

Curiosità letterarie
Post sulla pittura
Post sull'architettura

Per chiunque si fosse perso le "puntate precedenti", il blog è sempre disponibile :-)

12 commenti:

  1. Ecco, era giusto quello che chiedevo: mi soffermerò sui primi!
    (Auguri per il tuo rientro a lavoro!)

    RispondiElimina
  2. Felice che tu abbia ritrovato almeno questa sicurezza lavorativa! :D
    Ma scrivi, Ariano! Scrivi racconti finché puoi! *_*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ci proverò a scrivere, promesso ;-)

      Elimina
  3. Le repliche, se di qualità come le tue, sono sempre benvenute. ;)
    E, in effetti, a scavare a ritroso nei blog, si possono trovare perle sepolte da starti e strati di nuovi post, e questa mi pare un'ottima occasione per riportarli alla luce e alla nostra attenzione.

    Quanto alla situazione lavorativa, capisco molto bene il vostro momento: la società per cui lavoravo, l'ha vissuta esattamente un anno fa. I primi cassaintegrati, i primi part-time, poi il fallimento.
    E, anch'io, ho ricevuto il mio primo assegno dall'INPS qualcosa come dopo 10 mesi.
    In effetti, ti accorgi che aggiornare il blog non è più una delle tue priorità, all'improvviso. ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non lo sapevo Luca, o mi è sfuggito o ne hai parlato poco nel blog. Spero che la situazione sia in miglioramento.

      Elimina
  4. Ho dato una scorsa ai post sulle curiosità letterarie e a quelli sulla pittura. I più recenti li conoscevo, ma la maggior parte no. Checché ne dica il pestifero Writerman mi sembra che finora tu abbia fatto un lavoro di grande qualità ;-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie, questo è un gran complimento :-)

      Elimina
  5. Non c'è bisogno che ti dica niente. Spero solo che almeno dopo l'estate tu riprenda i tuoi normali standard di scrittura, anche perché vorrà dire che le cose si saranno sistemate anche per tutto il resto! Tantissimi auguri!

    RispondiElimina
  6. Che bellissimo, sei rientrato al lavoro (anche se mi dispiace per i tuoi 7 colleghi) !

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Dispiace molto a tutti noi che siamo rimasti :-(

      Elimina