martedì 24 novembre 2015

Cavalcare l'onda del brand in auge

É una cosa che ho notato in questi ultimi giorni.
Sulla scia della prossima uscita de Il risveglio della forza, episodio VII della saga "Star Wars", tantissime attività commerciali tentano di cavalcare l'onda della pubblicità martellante e dell'hype creato attorno al film sperando di ricavarne a loro volta una luce riflessa di attenzione da parte dei consumatori.
Così, per dire, un noto marchio di abbigliamento espone in vetrina felpe con i principali personaggi del film. Un altro continua a proporre i soliti abiti privi di riferimenti cinematografici, però indossati da manichini col volto coperto dalla bianca maschera metallica dei soldati imperiali. Un altrettanto noto marchio di coperte e trapunte vende (giuro di averle viste) copertine per il vostro letto matrimoniale effigianti il logo dell'inossidabile saga. Nei negozi di giocattoli impazzano spade laser e maschere da Darth Vader. Una catena di ristorazione offe menù che danno in regalo ai bimbi action figures dei vari personaggi storici, da Han Solo a Yoda. Altri locali più caserecci, impossibilitati a pagare i diritti di copyright, si accontentano di proporre piatti ambiguamente evocativi come 'il panino dell'Alleanza' o 'il menù della Forza'. É probabile che qualche profumeria s'inventerà nei prossimi giorni l'eau de cologne Chevalier Jedi n. 7.
Insomma, tutti cercano in qualche modo di intercettare l'evento a proprio vantaggio inserendosi sul grande palcoscenico del marketing pompato dai trailers che preparano il mondo all'avvento dell'episodio VII.
Ho riflettuto sul fatto che, in fondo, non è mica un'idea sbagliata e ho deciso di cavalcare l'onda anch'io. Quindi, tanto per incominciare, potrei temporaneamente modificare le copertine dei miei ebook.
"Cronaca di natale" potrebbe diventare una cosa di questo genere:


Mentre per "Shakespeare noir" si potrebbe azzardare una variante di tale foggia:


Che ne dite, potrebbe funzionare? (n.b.: se volete fare un confronto gli originali sono QUI e QUI ).
;-P

24 commenti:

  1. Risposte
    1. Domani sarà un "mercoledì da leoni" ;-)

      Elimina
  2. Ottima idea! Quindi, 'leggendo' la copertina di "Cronaca di Natale" si capisce chiaramente che a te l'astronave di Star Wars ti ha rotto le pa**e! E a questo punto, come fanno quelli fighi, potresti ogni tanto cavalcare l'onda di qualche altra cosa (il gubileo, pasqua, la finale del grandefratello... ) cambiare la copertina, aggiungere un paio di saluti alla fine e rivendere il libro a prezzo maggiorato!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Esatto! Inoltre stavo pensando anche di aggiungere un po' di tette e culi su ogni copertina. Che ne dici, potrebbe funzionare?

      Elimina
  3. Risposte
    1. Azz, a saperlo avrei aumentato il prezzo di copertina!
      ;-P

      Elimina
  4. Geniale!
    Anche se sotto forma di divertimento al confine con il troll ne è venuta fuori un'idea simpaticissima! :°D

    RispondiElimina
  5. Grande Ariano!
    E pensa che una volta mi piaceva Star Wars...adesso mi ha completamente stancato!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche a me. In generale le saghe troppo sfruttate tendono a sembrarmi forme di auto-riciclaggio.

      Elimina
  6. ahahhahahaahah! Di certo, adesso quelle copertine sono di moda!

    Che la forza sia con voi!
    Spetta un po'... Mel Brooks non diceva che lo sforzo sia con te????? ahahahahahahahh

    RispondiElimina
  7. Divertentissimo. Ho immaginato il marito che compra alla sua lei quel profumo lì, ahaha!
    "Cronaca di Natale"... non si può guardare ridotto così! :)

    RispondiElimina
  8. Adesso però attendo di leggere una tavola di Writerman che cavalchi l'onda ;-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Solo se mi viene un'idea che non sia una fotocopia di questa.

      Elimina
  9. Certe cose attirano di certo.. xD

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ti saprò quantificare gli aumenti nelle vendite ;-)

      Elimina
  10. Mi chiedo sempre che questo marketing funziona? Se funziona, qualcuno compra veramente queste copertine per il letto... Non posso crederci...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Chi lo sa, bisognerebbe chiederlo al negoziante che le vende...

      Elimina