giovedì 19 novembre 2015

Ottanta delusione in me [INTERFERENZA INTERNA]

Ci avevano convinto che eravamo i più bravi, che avevamo la quinta economia al mondo, che le nostre mamme erano le migliori al mondo, che qualunque cosa Italians do it better.
Ci avevano illuso di assistere alla fine delle tensioni fra gli stati, il crollo del muro, l'Europa unita, niente più guerre e niente più crisi.
Sapevamo che anche con il lavoro più scadente avremmo guadagnato almeno un milione al mese, a quindici anni avevamo in tasca banconote con quattro zeri e con le effigi di grandi italiani, intanto sognavamo un'estate al mare e le tette di Sabrina Salerno.
Ci dicevano che noi avevamo il più bel campionato di calcio al mondo, il presidente della repubblica più simpatico d'Europa, che ci aspettava un futuro sempre migliore, sempre migliore... E poi...
[FINE DELL'INTERFERENZA. L'USUALE PROGRAMMAZIONE DEL BLOG RIPRENDERA' QUANTO PRIMA]


39 commenti:

  1. Prodi diceva pure che grazie all'euro avremmo lavorato un giorno di meno guadagnando come se lavorassimo un giorno di più.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Lo so che è successo un po' di anni dopo, ma è per dire che non c'è mai fine al peggio...

      Elimina
    2. Ci credi che a volte mi chiedo se non sarebbe stato meglio se a vincere la guerra fredda fosse stato il blocco comunista?

      Elimina
    3. Forse non avremmo avuto la stessa adolescenza folle e anarcoide che ci è stato concesso di avere qui... almeno a quelli della nostra generazione.

      Elimina
    4. No... Ariano, no! Non avrei potuto crescere senza Goldrake. Col regime comunista dell'epoca saremmo cresciuti a pane e propaganda. Non che sia stato molto diverso da questo lato della barricata, ma almeno è arrivato Goldrake dal giapp... ehm, dalla Francia (in modo neppure troppo legale, o per lo meno non completamente legale, ma questa è una vecchia storia).

      Elimina
    5. E' fantastico il nostro Paese, siamo passati dalla Milano da bere all' Italia bevuta e pappata da quattro cialtroni.

      Elimina
    6. Negli anni '60 formiche, poi negli anni '80 cicale, adesso siamo diventati scarabei stercorari controvoglia...

      Elimina
  2. Dev'esserci effettivamente un'interferenza...

    RispondiElimina
  3. Non mi svegliate ve ne prego
    ma lasciate che io dorma questo sonno,
    sia tranquillo da bambino
    sia che puzzi del russare da ubriaco.
    Perché volete disturbarmi
    se io forse sto sognando un viaggio alato
    sopra un carro senza ruote
    trascinato dai cavalli del maestrale,
    nel maestrale... in volo.
    Non mi svegliate ve ne prego
    ma lasciate che io dorma questo sonno,
    c'è ancora tempo per il giorno
    quando gli occhi si imbevono di pianto,
    i miei occhi... di pianto. (F. DI Giacomo - V. Nocenzi)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Bellissima poesia, entra di diritto fra le mie preferite.

      Elimina
    2. E' una vecchia canzone del BMS.

      Elimina
    3. Cioè la riprova di quanta verità ci sia nell'affermazione che la grande poesia dalla seconda metà del ventesimo secolo è emigrata nelle canzoni.

      Elimina
    4. Vero. Certe canzoni hanno più poesia che musica.

      Elimina
    5. Aaah sfoderare un Banco così, come se niente fosse... saremo rimasti in 12 a conoscerli. e bravo il vecchio Oste Juan

      Elimina
  4. Ma scusa... Se chiedi all'oste se il vino è buono, cosa vuoi che ti risponda? :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma l'oste è (dovrebbe essere) un compagno di strada in questo caso... a meno che non sia vero come si maligna che i vari Prodi, Ciampi, etc. siano iscritti nel libro paga di qualcuno residente oltre i confini nazionali... Considerato quel che guadagnano dallo stato italiano, se fosse vera l'illazione maligna sarebbe roba da alto tradimento, da mettere schiena al muro e una raffica di mitra come si fa in tempo di guerra...

      Elimina
    2. Non è tanto quello... Per quanto il nostro paese sia in mano a banchieri di alto livello sin dalla fine della prima repubblica, e ciò potrebbe creare dei sospetti. Ingenuamente parlando, se i nostri politici ammettessero che non va così bene, ammetterebbero di aver fallito, di non aver saputo fare bene il proprio mestiere, per cui...

      Elimina
  5. Non ci ho mai creduto nemmeno per un istante.. :p

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Alcune cose però erano vere... a quei tempi :-(

      Elimina
  6. Mi sorprende sapere che è esistito un periodo così ottimista: io sono cresciuta sapendo che non troverò mai lavoro e che comunque, anche se lo troverò, non andrò mai in pensione!
    Non so quale delle due alternative sia meglio...

    RispondiElimina
  7. Ero troppo giovane per capire e ora sono troppo vecchio per ricordare ;-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io invece ho un'ottima memoria, purtroppo... Ricordo tutti i tg-minculpop sull'imminente unione europea, la gente intervistata alla quale chiedevano cosa si aspettavano dall'unione europea e tutti a dire: "che si sarà più lavoro, che saremo più benestanti, che i servizi pubblici funzioneranno meglio"... Probabilmente qualcuno avrà risposto anche "che troveranno il sistema per tramutare il piombo in oro" ma la risposta è stata tagliata al momento del montaggio del servizio...

      Elimina
    2. Anche io, Andrea, anche io...
      E comunque sono e rimango profondamente europeista, nonostante tutte le batoste del tempo e della storia.

      Elimina
    3. Europeista lo sono anch'io, ma vorrei un europa di cittadini, non di consumatori manipolati da banche e grandi imprese... :-/

      Elimina
  8. Ariano.. e poi ci siamo svegliati!!!!!

    Che adesso siamo in catalessi è un altro discorso :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Diciamo che le cose si potevano gestire diversamente... Inghilterra docet...

      Elimina
  9. Ah ci siamo svegliati? E quando, ciò? XD
    Siamo il Paese in cui ogni critica fatta è "falsa", perché abbiamo la cultura, le mamme, il calcio e siamo altruisti.
    Io ricordo che il tasse di analfabetismo di ritorno è elevatissimo e forse quando c'è stato quel momento di "benessere" la gente ha capito quel che voleva: le cose materiali pagavano e ripagavano di tutto. Ben ci sta.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. tasse* per tasso, non son troppo credibile XD Ahahahah!

      Elimina
    2. Glo' infatti l'ho scritto chr ora siamo in catalessi
      :):):)

      Elimina
    3. Glo' infatti l'ho scritto chr ora siamo in catalessi
      :):):)

      Elimina
    4. Sì sì, Pat! Era una considerazione molto ma molto più generale, nel senso che a mio parere molte persone proprio non si sono neppure accorte di quel che ha scritto Ariano nel post, avvertono difficoltà e "crisi", ma come sorta di entità... siamo ancora legatissimi alla scaramanzia, al caso e simili. E poi mi si dice: siamo ancora al Medioevo, please, no! In rapporto alle conoscenze scientifiche del tempo, alle difficoltà oggettive della vita, alla mancanza di tutto (igiene, cibo, possibilità di cultura, ecc.) siamo una vergogna :P

      Elimina
    5. Sì, potremmo essere un nazione migliore, è indubbio. Molte occasioni per crescere sono state sprecate...

      Elimina
  10. Sai come la penso in proposito, per quanto mi riguarda è almeno da metà degli anni 80 che ci hanno preso in giro, le cosa triste è che noi gliel'abbiamo permesso e continuiamo a farlo.
    E...sempre per quanto mi riguarda non ho più alcun tipo di speranza di miglioramento....per lo scenario generale....

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Purtroppo non ho argomenti per cercare di renderti più ottimista... Sono anch'io sfiduciato... :-(

      Elimina
  11. Quelli che vivevano in quest'epoca in cui si poteva illudersi erano più felici di noi...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. O forse io la ricordo così solo perché ero più giovane, chissà...

      Elimina