lunedì 4 gennaio 2016

Segnalazione - "Italian way of cooking"

Nei giorni scorsi la Acheron Books mi ha proposto di leggere e valutare uno dei loro ultimi titoli, "Italian way of cooking" di Marco Cardone.
Come già saprete nel mio blog talvolta inserisco segnalazioni letterarie, ma in genere scelgo sempre io di mia iniziativa chi segnalare dopo averne letto i relativi libri. Difficilmente do seguito a richieste dirette da parte di autori o editori, anche perché il sempre minor tempo che ho a disposizione per leggere preferisco sfruttarlo per romanzi già in wishlist, senza appesantirlo con letture "su domanda". Peraltro questo blog è indirizzato verso specifiche forme narrative e ne esclude completamente altre. Detto con onestà: alcuni generi proprio mi annoiano e non li leggerei neppure se a chiedermelo fosse un amico.
Neanche nel caso corrente posso definirmi un cultore del genere ("urban fantasy comico-grottesco" lo ha definito il reponsabile della Acheron, peraltro abbastanza noto, Samuel Marolla). Però la trama che mi ha prospettato mi intrigava. La riporto così come compare su amazon:
Nero è un cuoco eccezionale, ma la crisi economica non lo ha risparmiato e il suo ristorante, il Gallo Nero del Chianti, è sommerso dai debiti e prossimo al fallimento. In una notte stregata accade però un evento del tutto eccezionale che risolverà i suoi problemi... creandogliene altri ben più spaventosi! Una creatura mostruosa, antica come il mondo e affamata di esseri umani, si introduce in casa sua e minaccia i suoi bambini. Nero è costretto a ucciderla, e, attratto dall'odore delle sue carni, prova l'impulso irresistibile di cucinarle e scopre che sono squisite. Prova allora a servirle di nascosto ai clienti del ristorante, ottenendo un successo oltre qualsiasi aspettativa. Inizia così la rinascita dal Gallo Nero: tenendo celato il suo segreto, in una maliosa estate toscana il cuoco si dedica alla ricerca di altre creature mostruose per ucciderle, cucinarle e servirle agli ignari avventori. La fama del ristorante e delle sue prelibatezze cresce a dismisura, così come i problemi: in fondo si tratta di Mostri, e dar loro la caccia è un'attività estremamente pericolosa, soprattutto nel momento in cui le creature capiscono l'antifona e decidono di invertire i ruoli e far tornare la catena alimentare nel giusto ordine delle cose...! Benvenuti quindi al Gallo Nero del Chianti, grottesca sarabanda horror-culinaria fra piatti deliziosi dagli ingredienti che è meglio non rivelare, direttori di banca e serial killer, vigilesse feticiste dell'autovelox, vini pregiati e pietanze prelibate ma dagli arcani effetti collaterali, l'unico ristorante al mondo dove non si è sicuri di mangiare (cosa, poi?), o di essere mangiati...
Nonostante la trama volutamente grottesca, che a tratti sembra situarsi a metà strada tra una commedia sexy degli anni '80 e un horror movie da drive-in, la narrazione è sviluppata con grande professionalità, soprattutto l'ambientazione toscana che è un altro degli aspetti che mi intrigava. I personaggi non sono macchiette, vengono ben delineati, e l'autore sa intrattenere efficacemente il lettore.
In un periodo dominato dall'esasperazione mediatica dell'arte culinaria, questo romanzo è stato un piacevole diversivo.

9 commenti:

  1. Buono a sapersi Ariano. Io sono nata curiosa. E' il tempo che è tiranno e non sempre riesco a seguire i miei programmi, Questo libro però me lo seegno.
    Ciao e bun anno

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Patricia, buon anno anche a te :-)

      Elimina
  2. Sembra molto divertente e curioso :D L'ambientazione toscana sta benissimo!
    In ritardo notevole, Felice 2016 e a presto ^_^

    RispondiElimina
  3. In effetti stavo per saltare questo tuo post proprio a causa del titolo... un libro di cucina? NO, GRAZIE. Poi mi son detto, ma possibile che Ariano... e infatti si tratta di altro. E sembra anche di qualcosa di buono ^^
    Ma perché non hai pubblicato la copertina del libro nel post? (ok, io ho la fissa delle immagini).

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Beh, però c'è il link su amazon ;-)

      Elimina
  4. Sembra interessante, anche se mi sembra sia un po' grottesco...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Lo è, è molto grottesco. Però divertente.

      Elimina