lunedì 7 novembre 2016

Autunno

La trasferta lucchese mi è stata utile anche perché nel corso del lungo weekend fra fine ottobre e inizio novembre ho potuto spostarmi lungo l'appennino toscano e umbro e ho avuto la possibilità di ammirare l'autunno.
Abitando in una città di mare in genere non lo vivo per niente: gli alberi sono quasi tutti sempreverdi imperterriti quali pini, lecci e palme, non ci sono castagni né colline ricoperte di vigneti e, conseguentemente, neppure il ribollir de' tini e l'aspro odor dei vini che va l'anime a rallegrar. Dove lavoro io aleggia sempre la solita, costante, insopportabile puzza di pesce.
Perciò ammetto che l'autunno dell'entroterra mi affascina. Sono consapevole che ha i suoi lati negativi per chi lo vive quotidianamente: vedere una vallata in cui, alle dieci di mattina, nonostante il sole ormai alto ancora ristagna la nebbia, può essere deprimente.



Ma è affascinante vedere che quanto più il sole scompare nel cielo grigio, tanto più i suoi colori sembrano voler rivivere nelle piante che iniziano a perdere fogliame. La desolazione del verde che si dirada viene mitigata dalle sfumature di rosso, giallo e arancione sui rami degli alberi.


Le foglie assumono il loro tipico colorito rosso e giallo e per me diventano magiche, probabilmente perché non sono una visione tanto usuale per uno che vive sulla costa.





Il giallo intenso delle foglie contro l'azzurro intenso del cielo in una giornata serena formano un contrasto cromatico incantevole.
Le foglie cadono e si accumulano, vengono trasportate dal vento, diventano così numerose da ricoprire il terreno. La mia principessina ha scoperto quanto sia divertente correrci in mezzo, sentire il loro scricchiolio sotto i piedi, farle volare via.


Non sono più un ragazzino ma sono stato tentato di cimentarmici anch'io... magari in un momento in cui non passava nessuno, di nascosto, fare una corsetta e sollevare mulinelli di foglie gialle...
Ma alla fine ho deciso di limitarmi a un giro in bicicletta sopra il loro proverbiale tappeto che ricopre il prato e la strada. Buon autunno a tutti :-)

28 commenti:

  1. Ti capisco. L'autunno riempe di colori l'entroterra, e per certi versi lo rende magico, e quale mondo magico potrebbe esistere se non fosse mitigato anche dalla nebbia?
    Ovvio che se devi andare in ufficio e la mattina non si vede nulla per strada, e la gente corre comunque come se dovesse fuggire dalla fine del mondo, eccetera eccetera, la nebbia non aiuta, e le foglie a terra riducono l'aderenza, e ci sono gli incidenti, e le proteste perché le strade sono pericolose, e nessuno fa niente per... argh!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Purtroppo viviamo in un mondo che ha perduto la poesia delle stagioni :-(

      Elimina
  2. Che invidia mi fai!
    Qui è al nord è tutta un'altra cosa : si vivono le stagioni con tutte le loro peculiarità, ma purtroppo l'inverno è la più lunga .
    Buondì.
    Cristiana




    RispondiElimina
    Risposte
    1. Beh, cambia molto anche il fatto di viverle in una grande città o in un piccolo borgo.
      Comunque l'inverno è decisamente pesante, sono d'accordo.

      Elimina
  3. Non è l'autunno che mi stia molto simpatico, ma mi tocca come a tutti noi dell'entroterra. Ammetto comunque che è una stagione assai fotogenica ;D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. É quella la sua bellezza. Per il resto, è normale preferire l'estate e la primavera, credo che valga per la maggior parte delle persone.

      Elimina
  4. Ho la fortuna di abitare in una zona così. L'autunno è effettivamente magico qui :D Come la primavera!

    CervelloBacato

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io invece niente: piante verdi in estate, piante verdi in inverno, piante verdi in primavera e in autunno...

      Elimina
    2. Hai albe e tramonti sul mare però, no? :)
      O in ogni caso... hai il mare!

      CervelloBacato

      Elimina
  5. Sarò condizionata dal quel che mi succede, ma quest'autunno è bellissimo!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vedrei che per qualche annetto, man mano che la bimba cresce, tutto sarà bellissimo ;-)

      Elimina
  6. Molto belle le tue descrizioni. Capisco bene quello che dici, per mia fortuna genova è collocata in un punto dove è possibile gustare l'autunno in tutte le sue sfumature, una striscia di terra "fasciata" da colline e monti.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ci sono stato un paio di volte a Zena ;-) mi ha colpito proprio l'immediatezza dei versanti collinari, sembra una città "obliqua" per così dire.

      Elimina
  7. Adoro l'autunno, l'ho sempre considerata la mia stagione preferita! I colori sono bellissimi, non perdo occasione per fotografarli (anche se non sono nulla di fotografia seria, sono a livello molto molto amatoriale).
    La nebbia... beh, ci sono abituata. Diciamo che se riesco a vedere cosa c'è a una distanza di dieci metri da me, non la considero nemmeno nebbia :D (e poi ha il suo fascino anche lei)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ha il suo fascino certamente, però magari può diventare fastidiosa quando si fanno lunghi viaggi in macchina o quando si protrae per troppi giorni.

      Elimina
  8. Oh fanciullo! Parlare di nebbia ad una piemontese... del basso Piemonte anche se noi astigiani sbbiamo le colline che agli alessandrino mancano 😊
    Stamattina non c'era ma eravamo a meno uno quindi brina. Ci sono giorni però che quando scendo a valle trovo la statale e basta. Oltre il ciglio un muro. Niente piana del Tanaro niente colline oltre il fiume.
    Che sfere!!!! Non mi piace! Vorrei l'estate perenne.
    Però d'altra parte, l'autunno hs colori stupendi, ci sono le castagne e di primo mattino puoi incrociare i daini e i caprioli. Ma fa freddo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Lo so, infatti anch'io preferisco la primavera e l'estate.
      Però, se proprio devo passare attraverso l'autunno, dovendo scegliere preferisco l'autunno delle colline, quelle delle foglie che arrossano e delle castagne che si raccolgono ai piedi del castagno, della nebbia purtroppo ma anche della brina.
      L'autunno del vento che soffia dal mare e... praticamente basta, se si eccettuano le nuvole che sono sempre belle, non è un autunno piacevole.

      Elimina
    2. Vero che noi siamo colleghi di.... "caccia"
      ahahhahahah
      Il vento se è troppo forte mi irrita. Mi rende nervosa.. più di quello che sono già!

      Elimina
  9. Quegli alberi, bellissimi, sembrano finti.
    Uno spettacolo che anch'io conosco poco: giù in Sicilia la vegetazione non ha questa cromatura in autunno e anche qui a Roma si vede solo in alcuni parchi. Vero che abitiamo vicini, dunque ti capisco. :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E allora poi facciamo una gita insieme in qualche bosco dell'appennino :-D

      Elimina
  10. Risposte
    1. Beh, ma pure l'estate e la primavera eh!

      Elimina
  11. Fosse per me ci sarebbero sei mesi d'autunno e sei d'inverno :D

    RispondiElimina
  12. Non avevo mai pensato che chi vive al mare non riesce a godere dei colori dell'autunno, a pensarci bene anche se vivi a Bologna e passi troppo tempo al chiuso, tra ufficio e casa, hai poco da vedere in quanto a foglie colorate e alberi, però un po' si viene sfiorati. Buon autunno anche a te

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Però Bologna offre sicuramente tante belle cose :-)

      Elimina
  13. Che bellissime foto... i colori caldi ci riscaldano il cuore... il tappetto delle foglie cadute affascina sempre anche a me...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie :-) Un giorno mi piacerebbe vedere degli aceri giapponesi in autunno con le loro tipiche foglie rosse.

      Elimina