giovedì 6 aprile 2017

Un haiku e un quadro in dialogo inconsapevole

Il poeta giapponese Santoka Taneda (1882-1940) e il pittore norvegese Edvard Munch (1863-1944) quasi certamente ignoravano l'uno l'esistenza dell'altro.
Hanno dato forma alla loro inquietudine tramite haiku che non rispettavano la metrica tradizionale e quadri che non si uniformavano alle regole accademiche.
Taneda, dopo una giovinezza costellata di momenti difficili - due fallimenti di diverse attività commerciali della sua famiglia, il suicidio del fratello, il divorzio dalla moglie, la perdita del lavoro e la miseria - all'età di quarantadue anni si fece monaco e iniziò a peregrinare per il Giappone in solitudine. Pregava, chiedeva l'elemosina e componeva haiku.
Munch, in perenne conflitto con il padre e quasi congenitamente portato a cacciarsi in avventure sentimentali tumultuose - una culminata in un apparente tentato omicidio da parte della donna alla quale si era legato - nonostante il discreto successo della sua opera pittorica all'età di quarantacinque anni ebbe un grave esaurimento nervoso che lo costrinse a lunghe cure e, successivamente, a vivere in una sorta di romitaggio in un'isolata fattoria vicino Oslo.
E ora, dopo questa brevissima e lacunosa premessa, posto il quadro Malinconia di Edvard Munch e un haiku di Santoka Taneda:


















Un'intera giornata
e io non ho pronunciato una parola.
Suono di onde.


22 commenti:

  1. Alle volte tutto diventa insostenibile.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Soprattutto per chi tende alla depressione, come il qui presente blogger...

      Elimina
  2. Se è un invito, ci provo.

    ​Qui sta il mio involucro
    ma la mia mente è altrove immersa
    nel passato perduto

    Cristiana

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In realtà volevo solo evidenziare quello specifico quadro associandolo a quello specifico haiku.

      Elimina
  3. Non sapevo cosa fosse un haiku. Una piacevole scoperta. Direi che quadro e haiku si completano.
    Spero che ne parlerai ancora di quadri e sulle curiosità giapponesi. Interessante.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se vedi i tag "pittura", "poesia" e "myhaiku" puoi fare un riassunto delle puntate precedenti ;-)

      Elimina
    2. Grazie. Andrò a vedere. :)

      Elimina
  4. Che bella idea! E ottimamente svolta. Viene davvero voglia di unirsi alle danze :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La sala da ballo è pronta ad accoglierti ;-)

      Elimina
  5. Che bellissimo posto. Ma non sapevo questo haiku...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. L'ho trovato in un sito dedicato a Santoka Taneda

      Elimina
  6. Sembrano fatti uno per l'altro. L'haiju per il quadro o viceversa!!! Incredibile!
    Comunque a me pare proprio che il quadro sia descritto magnificamente da quel componimento poetico. E viceversa, ovvio.

    Però se mi istighi ahhahahahaha

    Guardo il mare
    ma son così assorto:
    penso e penso

    Ciaoooo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Haiku non haiju... fffffff tra le dita e gli occhi...

      Elimina
    2. Grazie del contributo :-)

      Elimina
  7. Certo, il mondo degli artisti famosi, che siano pittori, poeti, musicisti, è costellato da esperienze di vita traumatiche e momenti altamente drammatici: forse è questo che li rende così affascinanti. La tua associazione è riuscita perfettamente: parole e immagine si sposano alla perfezione.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Penso che certi momenti drammatici li viviamo tutti, la "trasformazione" in artista è forse qualcosa di ancora più intimo. Però questi drammi sicuramente spingono coloro che hanno un'inclinazione artistica a esorcizzarli usandoli come ispirazione delle loro opere.

      Elimina
  8. Che meraviglia *__* I ribelli della poesia e della pittura perfettamente associati :O
    Ariano, una prova superba questa!

    RispondiElimina
  9. Non sapevo che Munch fosse stato fatto oggetto di un tentato omicidio da parte di una donna! Mi sono venuti in mente i rapporti tumultuosi di Rimbaud e Verlaine, culminati nel tentativo di quest'ultimo di uccidere il giovane compagno.
    L'abbinamento che hai fatto è perfetto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Fu una situazione ambigua, lui aveva lasciato Tulla Larsen e lei tornò per un incontro chiarificatore durante il quale partì un colpo di pistola, ufficialmente (e forse anche veramente, chissà) classificato come un colpo "accidentale".

      Elimina