domenica 22 maggio 2016

Finta spacconata dichiarata

Nel mondo dello showbiz capita talvolta che qualcuno si lasci andare a rivelazioni clamorose a proposito di colleghi ormai deceduti e quindi impossibilitati a smentire o confermare. Per fare un esempio, pochi anni fa Carlo Croccolo sostenne di aver avuto in gioventù una relazione con Marilyn Monroe... Vero? Falso? Chi lo sa, la diva americana non potrà mai dircelo.
Ecco, io vorrei lanciarmi in una rivelazione del genere. Con la non trascurabile precisazione che chiaramente mi sto inventando tutto, però, insomma, già lo sapete che spesso scrivo cazzate solo per divertirmi un po'.
Ebbene, io oggi voglio parlarvi di quella volta che suggerii al professor Umberto Eco la trama de "Il nome della rosa".
Era il mese di agosto del 1978, avevo otto anni e come tutti i bambini di quell'età durante le vacanze estive leggevo per passare il tempo. Le mie letture preferite erano "Topolino", "Provolino" e i saggi del professor Eco. Avevo particolarmente apprezzato "Apocalittici e integrati", ma anche "Forma e indeterminazione nelle poetiche contemporanee" era discreto, sebbene macchiato da qualche inesattezza.
Quella mattina ero andato con mia madre al mercato per aiutarla a portare le buste della spesa, quando ebbi un soprassalto: Umberto Eco era lì, a due passi da me. Indossava un camicione hawaiano, sandali Birkenstock, occhiali da sole e un cappellone di paglia; inoltre parlava simulando un forte accento napoletano, ma si vedeva che era lui. Stava chiedendo due etti di sardine a un pescivendolo.
Domandai il permesso alla mamma e mi avvicinai al professore, salutandolo e congratulandomi con lui per i suoi saggi, oltre che per fargli notare quelle inesattezze nelle valutazioni semiotiche ed estetiche che avevo notato e di cui ho già detto sopra.
Il professore sbiancò. Mi trascinò in un angolo del mercato e mi disse di non pronunciare il suo nome. Dovevo rivolgermi a lui chiamandolo Gennarino o' barbone, perché non voleva assolutamente essere riconosciuto.
Mi meravigliai. Perché cotanta segretezza? C'era forse qualche terribile segreto che lo minacciava?
Il professore mi spiegò che, beh, in effetti lui non voleva che si sapesse in giro che amava tanto mangiare pesce. Il pesce è notoriamente ricco di fosforo utile a sviluppare l'intelligenza, perciò lui era terrorizzato all'idea che i colleghi docenti universitari pensassero che il suo smodato consumo di pesce fosse dovuto alla necessità di rinforzare il cervello. Una piccola vanità, d'altronde tutti ne abbiamo.
Aggiunse che evitava appositamente di comprare pesce a Ravenna o Rimini perché troppo vicine all'università: temeva di incontrare conoscenti o ex studenti dei suoi corsi. Partiva da Bologna con la sua macchina, si fermava a Firenze dove metteva sull'auto una targa falsa che iniziava con la sigla NA, si travestiva e guidava sino a Civitavecchia per sembrare davvero un partenopeo fissato coi prodotti ittici della città laziale.
Lo tranquillizzai rassicurandolo che avrei mantenuto il segreto. Però, seppur con molta discrezione, non potei evitare di evidenziargli le inesattezze da me riscontrate sul saggio citato. Lui mi ringraziò e, giacché il discorso aveva preso quella piega, mi chiese un suggerimento: stava meditando di scrivere un'opera di narrativa, sarebbe stata la prima per lui e ci teneva a fare bella figura. Non avevo per caso qualche idea originale da proporgli?
Per sua fortuna proprio pochi giorni prima avevo letto un trattato sulle eresie diffusesi in Europa nel Medio Evo (tutti i bambini di otto anni leggono libri del genere) e, quasi contemporaneamente, una storia su "Topolino" dove comparivano due personaggi che parodiavano Sherlock Holmes e il dottor Watson. Mi venne istintivo ipotizzare un romanzo ambientato in un convento benedettino nel 1327 in cui alcuni monaci tentano di modificare antichi manoscritti, venendo però scoperti da un frate-investigatore.
Il professore mi parve spaventato dalla complessità dell'idea, tuttavia si congedò confidandomi che avrebbe azzardato un tentativo. Il resto della storia lo sapete già. Mi dispiace solo che non sia mai più tornato a Civitavecchia e non mi abbia mai pubblicamente ringraziato per avergli suggerito la trama del suo best-seller.
Spero che un noto scrittore tutt'ora vivente, al quale ho reso un favore analogo, si dimostri più riconoscente. Volete sapere chi è?...
No, mi spiace, per ora non posso rivelarlo. Forse fra qualche anno, chissà...

martedì 17 maggio 2016

La cinquina dei candidati al premio

Tutto è pronto a Piazza San Marco per la grande serata. Il prestigioso premio letterario sta per essere assegnato, il selezionato pubblico degli invitati ha già occupato i posti a sedere e c'è grande curiosità su quale fra i candidati sarà insignito dell'onore di iscrivere il proprio nome nell'albo dei vincitori.
Tutti e cinque sono presenti all'evento, accomodati ai posti d'onore in prima fila. Ognuno affronta la tensione dell'attesa a modo suo. Ci permettiamo di osservarli sin troppo indiscretamente per cogliere i dettagli più intimi delle loro emozioni.
Il giovane Ugo Foscolo, fedele all'immagine dark che si è creato nel corso degli anni fra sedicenti tentati suicidi e voci mai smentite di abusi di sostanze stupefacenti, se ne sta ombroso e solitario all'estrema sinistra. Ha lo sguardo funereo, si direbbe che si atteggia proprio come il protagonista del suo romanzo Ultime lettere di Jacopo Ortis. Qualche maligno sostiene che sia una tattica per colpire l'attenzione della giuria e dare un'aria di vissuto alla propria opera, prima candidata al premio. Ci permettiamo di commentare che la sua sdegnosità appare effettivamente un po' troppo smaccata per essere del tutto autentica.
Molto composto è invece Alessandro Manzoni, austero, invecchiato, accompagnato dalla moglie che appare seria quanto lui. L'inserimento de I promessi sposi tra la cinquina dei candidati viene intepretata da tanti osservatori come un riconoscimento finale alla sua già lunga e onorata carriera, ricca di successi ma ancora priva del suggello rappresentato dal trionfo in una premiazione letteraria. Il romanzo è piaciuto tantissimo alla generazione dell'autore, un po' meno ai giovani che lo reputano sin troppo demodé. Vedremo cosa ne penserà la giuria.
Sorridente, elegantissimo, Gabriele D'Annunzio domina la scena lanciando occhiate seducenti verso le tante groupies accorse a vedere da vicino il loro idolo. Il giovanotto abruzzese, benché sia ormai vicino alla trentina e denoti una calvizie incipiente, continua a sembrare una star della musica o del cinema piuttosto che della letteratura, e riscuote un successo innegabile presso il pubblico femminile. Il romanzo Il piacere è stato accolto con diffidenza da una parte della critica per l'evidente tentativo di creare clamore con un'opera intesa a dare scandalo, ma la giuria lo ha ritenuto degno dell'onore di contendersi il premio.
Un po' impacciato, nervoso, il professore di liceo Luigi Pirandello muove a scatti la testa mentre il suo sguardo schizza ovunque lungo la piazza e verso il pubblico alle sue spallle, quasi fosse incredulo di trovarsi lì. Nessun famigliare lo ha accompagnato (si vocifera in effetti che la moglie non gradisca affatto le velleità letterarie del coniuge, al punto di rifiutare l'occasione della ribalta mediatica per la quale tante altre donne avrebbero già tirato fuori dall'armadio il loro abito da sera più elegante). Scarsa anche la presenza di sostenitori in platea, ma d'altronde il prof aveva pubblicato quasi esclusivamente su riviste e giornali underground. Il successo editoriale de Il fu Mattia Pascal è stato una vera sorpresa anche per gli esperti del mercato libresco: un fitto passaparola ha favorito evidentemente la vendita del romanzo anche presso lettori che neppure conoscevano il quarantenne scrittore siciliano e ne ha determinato il successo nelle classifiche dei libri più popolari, facendolo scoprire anche ai giurati del premio.
Ma il vero outsider della serata non è il professore bensì l'attempato imprenditore triestino Hector Schmitz, che siede compiaciuto e raggiante al centro della prima fila, giocondo come uno studente in procinto di ricevere la sua laurea e, pertanto, quasi ringiovanito nonostante i capelli imbiancati. Pubblicato con lo pseudonimo di "Italo Svevo", il suo romanzo La coscienza di Zeno ha ottenuto importanti riconoscimenti da parte di critici qualificati che hanno quasi costretto, per così dire, i giurati del premio a inserirlo nella cinquina. Nel giro di poche settimane il sessantenne scrittore è passato dall'anonimato di un passato in ombra fatto di autopubblicazioni e delusioni al clamore di un presente in cui si ritrova protagonista delle cronache culturali. Il sogno di tutti gli autori poco conosciuti ha preso forma reale nella vita del signor Schmitz ed è ben dipinto sul suo sorriso e sui suoi occhi brillanti di commozione.
Ed ecco che la giuria sale sul palco, a breve sapremo chi sarà il vincitore. Chi se la sente di tentare un pronostico?

giovedì 12 maggio 2016

Segnalazione - La vita è dura nei dettagli

A proposito di colleghi autopubblicati, segnalo Roberto Bonfanti e il suo ebook "La vita è dura nei dettagli".
Si tratta di un romanzo di formazione tramite il quale viviamo per alcuni mesi al fianco di Claudio, il protagonista, la cui vita prenderà una svolta ben precisa in seguito a vari eventi.
L'autore sceglie però di raccontare questo passaggio da una fase all'altra della vita di un uomo tramite la tecnica della narrazione multipla.
I primi a prendere parola sono personaggi che ruotano attorno a lui (Enrico, Stefania, Antonella, Mario, Alberto), ognuno intento a vivere i dettagli (parola chiave del romanzo come suggerisce il titolo) della propria esistenza senza comprendere quelli degli altri, che ovviamente verranno svelati al lettore di passaggio in passaggio.
Da questo punto di vista può accadere che arrivati a un certo punto della lettura sorga una minima perplessità e ci si chieda dove vuole andare a parare l'autore, ma quando inizia la parte narrata da Claudio (di fatto più della metà dell'intero ebook) si capisce subito che tutte le tessere del mosaico troveranno il loro posto.
Un romanzo di formazione come dicevo, ma con la struttura di un giallo e una prosa minimalista che scorre bene e permette di procedere pagina dopo pagina senza intoppi. Una lettura che mi ha pienamente soddisfatto e che mi azzardo a consigliare.

sabato 7 maggio 2016

Liebster Award

E così vengo insignito del Liebster Award anche quest'anno. Se fosse un premio letterario potrei sperare di rimediare una candidatura al Nobel per la letteratura...
Come saprete si tratta invece di un riconoscimento che i bloggers conferiscono ad altri colleghi seguendo regole ben definite.
Bisogna nell'ordine:

- Ringraziare i blog che ti hanno nominato e assegnato il premio

Quindi: grazie mille Roberto!
(Edit: grazie anche a Massimiliano , Cristina , Ivano e Maria Teresa che mi hanno nominato successivamente).

- Scrivere qualche riga (max 300 parole) per promuovere un blog interessante che seguite

Io di blog ne seguo molti, ma permettetemi di citare Nocturnia che è portato avanti veramente con grande professionalità dall'amico Nick Parisi. Chiunque sia appassionato di fantascienza e mistero troverà tantissimi articoli interessanti da lui.

- Rispondere alle 11 domande poste dal blog o dai blogger che ti hanno nominato

Ed ecco le mie risposte alle domande di Roberto Bonfanti:

1) Perché hai deciso di tenere un blog?
All'inizio solo come vetrina per i miei libri da pubblicare. Poi è diventato qualcosa di più ampio.
2) Il tuo blog riguarda il tuo principale interesse?
Sì, in fin dei conti la scrittura e la lettura sono sempre state le mie passioni principali, quantunque non le uniche.
3) Hai avuto difficoltà nel creare il blog? Di natura tecnica, riguardo all’organizzazione delle sezioni, la grafica, ecc.
All'inizio un po', però devo riconoscere che la piattaforma blogger di Google è molto intuitiva e permette di familiarizzare facilmente anche a un neofita.
4) Quanto tempo dedichi al tuo blog?
All'inizio un'ora al giorno, considerato anche il lavoro di ricerca degli argomenti. Postavo con una certa frequenza e lo aggiornavo appena potevo. Adesso gli dedico un paio d'ore a settimana, non di più. Ahimé.
5) Leggi regolarmente altri blog?
Sì, la lista dei blog amici non è solo per fare pubblicità a bloggers che conosco, io li seguo sempre. E, oltre a loro, frequento anche altri rispetto ai quali però sono solo un lurker.
6) Su quali social network sei più attivo?
Oltre a blogger, sicuramente twitter. Anche perché non ne utilizzo nessun altro :-D
7) Sei l’unico autore dei post che pubblichi oppure il tuo blog è aperto anche a collaborazioni esterne?
Ho avuto delle collaborazioni per la realizzazione di racconti e crossover con Temistocle Gravina, però a livello blogghistico sono autarchico.
8) Quali progetti non hai ancora realizzato e in quali pensi ti impegnerai in futuro?
Avevo progetti di tipo grafico ancora incompiuti: illustrare un mio libro, realizzare una storia a fumetti... Forse mi impegnerò proprio a realizzare questi vecchi sogni, ma non so ancora bene come e quando...
9) Come valuti le tue competenze informatiche?
Scadenti. Il minimo sindacale richiesto ;-)
10) Come hai scelto il nome per il tuo blog?
Ho semplicemente utilizzato il mio nickname inventato molti anni fa, quando ancora internet non era di uso comune, mentre ero in preda a una serie di elucubrazioni che il me stesso di oggi difficilmente saprebbe ripetere.
11) Che ne pensi del Liebster Award?
Un buon modo per movimentare il web ;-)

E adesso passiamo a una nuova regola del premio, ovvero:

-Scrivere, a piacere, 11 cose di te.

Ne ho già dette tante coi Liebster passati, rischio di ripetermi... Però ci provo:
-Non ho mai portato l'apparecchio e infatti ho la dentatura inferiore a zig zag.
-Da qualche anno il colore prevalente che uso per vestire è il blu, prima era il nero.
-Tutti dicono che ho delle mani molto grosse (ma non le ho mai usate per menare nessuno, eh!).
-Parlo senza la minima inflessione dialettale perciò nessuno ce crede che so' daa provincia de Roma, aho!
-Un tempo ero progressista, ora sto diventando conservatore. Sarà l'età che avanza?
-Mi piace andare in bicicletta, ma solo sulle piste ciclabili, non in mezzo alle auto, perciò ho poche occasioni per concedermelo.
-Mangio un po' troppi dolci. Riesco ugualmente a mantenere la linea, però la glicemia... beh, dovrei controllarla ogni tanto.
-Da giovane ero un teledipendente, adesso invece guardo poco la tv.
-Quando compro degli indumenti prediligo quelli che mi faranno passare più inosservato.
-Non credo ai sogni premonitori, infatti mi tocca litigare costantemente coi miei famigliari che la pensano diversamente...
-Sto valutando di mettere il blog in 'pausa sabbatica' per qualche mese.

-Premiare a propria volta 11 blog con meno di 200 follower.

Ovviamente si premiano i bloggers coi quali si ha empatizzato maggiormente e che hanno i contenuti più interessanti, nel mio caso:

Il taccuino dello scrittore
Massimiliano Riccardi
Ivano Landi
The obsidian mirror
Il manoscritto del cavaliere
Romina Tamerici
Liberamente Giulia
La nostra libreria
Andrea Cabassi
Anima di carta
Myrtilla's House

-Formulare le 11 domande per i blogger che si nomineranno.

I succitati (ma anche i passanti casuali ;-) possono rispondere alle seguenti questioni:
-Cosa c'è alla fine dell'arcobaleno?
-Esistono gli alieni?
-Qual è la città più bella in Italia?
-Ti piace il tuo nome di battesimo?
-Uno scrittore che detesti?
-Se si andasse sotto il parlamento coi forconi e si montasse la ghigliottina per decapitare tutti i politici, parteciperesti?
-La inventeranno un giorno 'la macchina del tempo'?
-Prosciutto crudo, cotto o mortadella?
-La cosa più folle che hai mai fatto?
-La cosa più assurda alla quale hai mai creduto?
-Meglio vincere un milione di euro o una rendita vitalizia da duemila euro al mese?

-Informare i blogger del premio assegnato.

Quando passeranno di qui i premiati, leggeranno questo post e saranno informati (furbetto, eh? Vabbè, glielo notifico in modo più diretto).
... e buon Liebster a tutti :-D

martedì 3 maggio 2016

Post poco serio

Ogni tanto mi capita di redigere dei post che assomigliano piuttosto a dei cazzeggi. In effetti una definizione del genere è applicabile al mio blog nel suo complesso, comunque vi sono dei post abbastanza specifici contrassegnati dal tag divertissment.
Quello che propongo oggi è più cazzeggioso del solito. Si tratta di ridefinire alcune parole della lingua italiana dandogli un nuovo significato - scherzoso, beninteso - che si basi sul loro contenuto ortografico.
Io ne propongo alcune, ma invito tutti a partecipare coniando nuove improbabili definizioni per lemmi italiani che si prestano al gioco.
Ad esempio:

arcangelo (sostantivo): creatura celeste che accompagnava il viaggio dell'arca di Noé
barcamenarsi (verbo): detto di persone che si picchiano mentre si trovano a bordo di un'imbarcazione
bidonare (verbo): donare due volte
cartomante (aggettivo): che rifiuta gli ebook perché amante dei tradizionali libri cartacei
disputare (verbo): parlare sputacchiando
esorcizzare (verbo): causare la proliferazione di ratti e topi
furente (aggettivo): che è stato messo in affitto (italianizzazione dell'espressione inglese for rent)
golfo (sostantivo): sport consistente nel far terminare una pallina in una buca nel terreno colpendola con una mazza (italianizzazione dell'inglese golf)
infinocchiare (verbo): insaporire una pietanza con abbondanti dosi di semi di finocchio
latteria (sostantivo): fabbrica specializzata nella produzione di barattoli di latta
prescindere (verbo): scindere preventivamente  
semiotica (sostantivo): branca della scienza botanica incentrata sullo studio dei semi
stupefatto (aggettivo): in preda ai tipici sintomi derivanti dall'abuso di sostanze stupefacenti
tettonico (aggettivo): che ha a che fare col seno delle donne

Volete rendervi ridic... ehm, cimentarvi anche voi?