sabato 3 aprile 2021

Pasqua con chi vuoi?

Recita così il detto, no? Natale con i tuoi, Pasqua con chi vuoi, ma sappiamo bene che quest'anno non sarà possibile.
Non è l'unica limitazione alla quale ci ha costretto questo virus malefico, e sono costretto ad ammettere che sto diventando insofferente. Nei post pasquali degli anni precedenti ho sempre fatto riferimento all'immagine simbolica della "resurrezione" di cui talvolta abbiamo bisogno nel corso della vita, perché capita di dover risorgere anche se si è tecnicamente ancora vivi e vegeti. Quando si sente il freddo dentro la propria anima, si prega di poter rifiorire allo stesso modo in cui ciò riesce magicamente alla natura intorno a noi in questo periodo dell'anno.
Stavolta non mi aspetto nessuna resurrezione, presumo che continuerò a percepire il gelo anche quando giungerà agosto.
Ma come scrivevo su twitter qualche giorno fa, persino quando dico che ho smesso di sperare, in realtà non ho ancora smesso di sperare.
Buona Pasqua a tutti. Se non c'è la sorpresa nell'uovo quanto meno si potrà mangiare dell'ottima cioccolata.

giovedì 11 marzo 2021

Il punto della situazione (ovvero: un post ricorrente in questo blog)

Questo genere di post è il tipico aggiornamento (che nessuno ha richiesto) sulle mie attività "creative", grazie al quale posso darmi un po' di arie come se fossi davvero un autore con una sua fandom. Perciò, siate pietosi: magari postate pure qualche commento tipo "siii!!! aspetto con trepidazione le nuove pubblicazioni!!!" così stanotte posso dormire tronfio e soddisfatto di me ;-)
L'ultima volta che ho postato un aggiornamento avevo accennato a un progetto grafico non legato ai fumetti. Ovviamente si trattava delle "Famous views of Tokyo" che ho reso disponibili per la lettura gratuita a gennaio.
Avevo anche detto che stavo provando a creare strisce umoristiche alternative a Yumi e Nana, che forse si sarebbero prese un anno di vacanza. Ma avrete capito dal post di lunedì 8 marzo che in fondo sono troppo affezionato alle due donzelle. Sto già creando le loro prime strisce per il 2022 (sì, mi piace organizzarmi con un certo anticipo ;-)
Sempre in quel post dello scorso anno avevo anticipato che stavo elaborando tre albi a fumetti contemporaneamente. Uno di questi progetti si è arenato (forse in modo definitivo), per il secondo invece ho le motivazioni giuste per tornarci sopra più avanti, il terzo invece è concluso. Si tratta del mio personale omaggio alla musica, quella straordinaria espressione della creatività umana che rende la vita (almeno la mia) più tollerabile grazie alla sua forza evocativa e alla capacità di trasmettere emozioni.
Quasi inutile aggiungere (visto che sono noiosamente metodico nel mio modus operandi) che è disponibile su amazon.
Per quanto riguarda altri generi di attività creativa, ammetto che continuo a rimandare il ritorno alla scrittura, anche se la tentazione c'è. Non faccio previsioni in merito, ormai sono abituato ad assecondare certi impulsi soltanto nel momento in cui compaiono, senza forzare né spingere.
Ci risentiamo non appena avrò voglia di ri-sfoggiare un contegno da creativo auto-pubblicato e auto-illuso ;-)

martedì 9 marzo 2021

Yumi & Nana - Non ricordo...

... e riprendiamo da dove eravamo rimasti prima che Yumi iniziasse la lunga rievocazione di come ha avuto inizio l'amicizia tra lei e Nana.


 

lunedì 8 marzo 2021

Yumi & Nana EXTRA - Festa delle Donne

É lunedì, ma la striscia della programmazione "ordinaria" di Yumi e Nana viene eccezionalmente rimandata a domani.
Perché oggi - ovviamente sapete che giorno è oggi - dovevo fare una cosa importantissima e non potevo assolutamente rinunciare. Quindi vado subito, anzi, corro. 
Volete venire anche voi?

domenica 14 febbraio 2021

Yumi & Nana EXTRA - San Valentino 2021

Piccolo extra legato alla data che tanti dolori ha inflitto alle povere Yumi e Nana ;-)
La programmazione delle strisce ordinaria continua ogni lunedì e siamo ancora nel bel mezzo dei ricordi scolastici relativi all'origine all'amicizia fra le protagoniste.
Oggi però si torna un attimo al presente per sbirciare come stanno vivendo la fatidica giornata odierna...

mercoledì 27 gennaio 2021

Genova

Nei mesi scorsi, nei momenti in cui il lockdown veniva sospeso, per motivi famigliari sono dovuto andare varie volte a Genova (colgo l'occasione per salutare i bloggers Daniele Verzetti e Massimiliano Riccardi :-) 
É stata una vera scoperta per me: ho scattato tante foto e ne voglio condividere alcune con voi, aggiungendo l'invito (se non ci siete mai stati) a recarvici di persona quando torneranno le condizioni per viaggiare senza rischi.
Per raccontare Genova bisogna per forza partire dal porto, qui inquadrato in modo da mettere in primo piano la biosfera con fauna tropicale al suo interno.


Ma come è noto Genova è anche una città sviluppata in altezza, infatti abbondano vicoli e scalinate che si inerpicano verso la parte interna.

Percorrendo queste stradine inaccessibili alle auto (perché troppo strette o perché fatte a gradini) si possono trovare piccoli tesori nascosti, come la Chiesa di Santa Maria in Castello che meriterebbe un post apposito per illustrare tutti i suoi affreschi, il suo chiostro, il suo giardino...





A volte queste viuzze coi palazzi addossati si allargano in modo improvviso e fanno scoprire piazzette più ariose, tipo quella in cui sorge una chiesa da poco restaurata che ospiterà una sezione della Facoltà di Architettura dell'Università cittadina.


Le statue e le lesene non sono vere ma dipinte. In effetti le mura affrescate con effetto trompe-l'oeil sono una caratteristica tipica di Genova. Si può ammirare in edifici storici importanti come l'antica Dogana, ma anche in normali palazzi civili dove accanto a una tipica persiana genovese ce ne sta una (altrettanto tipica) fatta di pittura e illusione...



Contrariamente alla leggenda sulla parsimonia genovese, l'architettura sontuosa non manca. I celebri palazzi "dei Rolli" in via Garibaldi ospitavano le famiglie cittadine più ricche, e qui potete vedere Palazzo Podestà e il particolare di una finestra di un altro edificio storico che oggi ospita il Municipio.



Anche i palazzi più moderni (per modo di dire: risalgono in gran parte agli inizi del '900) che costeggiano via XX Settembre sono uno spettacolo per gli occhi.


Questa è solo una rapida carellata per farsi un'idea, considerato che ho omesso gli edifici più celebri come la Cattedrale di San Lorenzo, il Palazzo Reale e il Palazzo Ducale (ma sono talmente noti che li avrete sicuramente già visti, no?) L'atmosfera del centro storico si può vivere solo camminando e perdendosi nel suo labirinto di stradine, carrugi e creuze.
Anche Piazza De Ferrari è ben nota, io ne fornisco una visione molto festiva con le luminarie natalizie.


Insomma, Zena mi è proprio piaciuta.

mercoledì 6 gennaio 2021

Un regalo ai lettori del blog

Il qui presente befano ha preparato un bel pacco di carbone per voi... Ma prima di spiegarvi nel dettaglio di cosa si tratta è necessaria un'introduzione.
Adoro le stampe tradizionali giapponesi, le cosiddette ukiyo-e, in particolare quelle paesaggistiche.
Fra i libri più celebri di questa forma d'arte ci sono infatti le "Trentasei vedute del monte Fuji" di Hokusai e le "Cento vedute famose di Edo" di Hiroshige.
Mi sarebbe piaciuto saper creare qualcosa di simile, ma purtroppo non sono un disegnatore...
... e d'altro canto non sono neppure un fumettista, tuttavia ci provo ugualmente sfruttando un software apposito.
Per dirla tutta non sono neppure uno scrittore, tanto meno un blogger, ma ciò non è mai stato un ostacolo per la mia spudorata voglia di ammorbare il web con i deliri della parte destra del mio cervello, che si ostina a essere inutilmente attiva.
Così, utilizzando programmi di photo editing, immagini di dominio pubblico presenti sul web e sinapsi particolarmente tossiche della mia testa malata, ho dato vita a una breve serie di "stampe" che rappresentano luoghi celebri della Tokyo moderna, però frequentata da abitanti di quella antica...
Se volete tentare di decifrare i miei deliri potete scaricare gratuitamente l'opera in questione. É in formato MOBI che può essere letto dal kindle, quindi anche dai software "kindle for pc" e "kindle for android" che si installano sul computer o sul tablet per leggere gli ebook di amazon. Per inciso, sono anche preferibili come opzione di lettura perché visualizzano le immagini a colori, a differenza del lettore kindle (e il cromatismo è un elemento importantissimo in queste immagini).
L'ebook è caricato su mediafire, la nota piattaforma di file hosting. Vi fornisco il link per il download gratuito (il file "pesa" circa 20 MB. Mi raccomando di cliccare soltanto sul riquadro blu con la scritta "download" in alto a destra riferita al documento Famous views, non cliccate nient'altro):


EDIT: ho aggiunto una seconda versione in formato pdf, meno pratica come ebook ma facilmente apribile e sfogliabile come documento multipagina su qualsiasi pc. Il link è il seguente:


Se siete interessati ma preferireste che l'ebook fosse in un formato diverso fatemelo sapere nei commenti, vediamo se posso predisporre delle edizioni alternative.
Buona Epifania a tutti!