giovedì 25 novembre 2021

Giornata mondiale contro la violenza sulle donne

Il mio blog è notoriamente poco serio, tuttavia voglio provare a dare un piccolo contributo alla data odierna che rammenta a tutti noi una questione grave.
Con l'occasione segnalo l'iniziativa di Daniele Verzetti iniziata alcuni mesi fa, relativa proprio alla sensibilizzazione contro la violenza sulle donne intesa giustamente come una mobilitazione permanente, e non limitata a una sola giornata all'anno. 
La striscia che segue non ha alcuna attinenza con la storia in corso di Yumi e Nana. É un extra dedicato al grave problema sociale di cui si parla oggi, problema che speriamo tutti vada a scomparire e a non distruggere più la vita di tante, troppe donne.


25 commenti:

  1. Direi proprio di SÌ
    Bravo…molto originale, Ariano.
    Stop alla violenza sulle donne.
    Stop alla violenza in generale

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eh già, eliminare l'uso della violenza, quello sì che sarebbe un vero progresso per l'umanità, molto più del gps o del wifi. Chissà se ci arriveremo... :-(

      Elimina
  2. Risposte
    1. Di nulla, la violenza deve essere fermata, questo deve essere un obiettivo per tutta la gente perbene.

      Elimina
  3. Deve contarci! Grazie Ariano per il tuo contributo metto il link a questo tuo post insieme a quelli degli altri stupendi blogger che partecipano a questo evento,

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ti ringrazio, è un tema che merita tutto l'appoggio possibile.

      Elimina
  4. Mi piace il tuo fumetto perchè ci invita a non generalizzare. Non tutti gli uomini sono uguali, per fortuna, ma la strada da fare è ancora molto lunga ed è fondamentale che anche gli uomini "buoni" entrino in gioco in questa battaglia.
    (ho messo "buoni" tra virgolette perchè non mi veniva un termine adatto, ma ci siamo capiti, no?)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, sei stata chiarissima. Peraltro le persone perbene sono le prime vittime dei violenti, quindi devono assolutamente essere parte in causa in questo discorso perché li coinvolge più di quanto non possa sembrare se si analizza la questione superficialmente.

      Elimina
  5. Grazie per il contributo, è bello dirlo anche con un linguaggio giocoso come quello delle strisce di fumetti, mi associo al commento di Guchi è importante sottolineare che molto dipende anche dall’atteggiamento degli altri uomini.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Certamente sì. Questa non è una questione "donne vs uomini" ma "umanità vs barbarie". A schierarsi con l'umanità devono essere tutte le persone civili, nessuno può chiamarsi fuori.

      Elimina
  6. Hai colto un lato importantissimo e da sottolineare. Non dobbiamo mai girarci dall'altra parte o pensare che non siano affari nostri. Ed è un comportamento egoistico che ha riguardato anche me. Dobbiamo crescere in questo. E molto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sicuramente in questo e in molti altri casi c'è spesso una sorta di "paura a immischiarsi" che sovente ci blocca tutti, ma dobbiamo sforzarci tutti per superarla e avere un ruolo attivo se vediamo succedere qualcosa che non deve succedere.

      Elimina
  7. Questo tema ci riguarda tutti, dal primo fino all'ultimo, o altrimenti non se ne uscirà mai. Non bisogna mai smettere di parlarne, è una mattanza le cui cifre fanno rabbrividire.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Infatti è una vera sfida in cui chi vuole appartenere alla società civile e si dissocia dalla barbarie deve per forza schierarsi in modo attivo.

      Elimina
  8. Bravo!! Mi piace tanto questo post. Diciamo basta alla violenza sulle donne e i primi a dirlo devono essere gli uomini. Ciaooo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sarebbe quello il vero grande progresso umano, porre fine alla violenza.

      Elimina
  9. Avevo letto anni fa che in Giappone sono stati costretti a riservare vagoni del treno o della metro per sole donne a cause delle continue molestie subite dalle passeggere... Per fortuna da noi queste cose non succedono, anzi, il problema non esiste, al solito si sta solo esagerando, e in ogni caso se un uomo fa così e perché ci tiene alla donna sua...

    La cosa incredibile di quanto sopra è che c'è chi ragiona così...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, quando sento (anche donne spesso) dire cose tipo "Beh, si vede che lei si era comportata male con lui..." mi cadono le braccia per terra.

      Elimina
    2. Sì, rientra nella cosiddetta "colpevolizzazione della vittima".
      "E beh, però un po' se l'è andata a cercare, eh."
      E hai ragione: alcune delle frasi più sessiste sulle donne che ho sentito dire, sono state dette proprio da donne. Segno che la strada è ancora lunga...

      Elimina
  10. Bravo Ariano, grazie. Ma il vero problema è che dentro le case, purtroppo, non c’è possibilità di chiedere aiuto e la solidarietà esterna è fatta di buone intenzioni, di belle parole, ma di scarsi risultati. Parlarne sempre, abbassare la guardia mai, ma quel “qualcosa in più”, che potrebbe fare la differenza, continua a mancare.

    RispondiElimina
  11. Bisognerebbe girare con la katana...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Praticamente ammettere che dai tempi del paleolitico siamo cambiati ben poco...

      Elimina
  12. Che striscia Ariano, complimenti davvero!
    Rispondiamo tutti si e certo!
    Grazie! ♥️

    RispondiElimina