domenica 22 giugno 2014

Leggere in GdL

Essendo un sociopatico, peraltro assai individualista, tendo a scegliere ogni cosa di testa mia.
Le letture in particolare: non mi lascio influenzare né dalla moda del momento né dai consigli altrui.
Però da alcuni mesi sto scoprendo - ed è sorprendente per me - che leggere in gruppo può essere un'esperienza interessante.
Ho partecipato sul web a diversi Gruppi di Lettura (GdL) e siccome in questi casi è necessario mettere d'accordo più teste può capitare che il libro prescelto dalla maggioranza sia un libro che il lettore in minoranza non conosceva neppure o non avrebbe mai immaginato di leggere. O addrittura che presupponeva in partenza di non apprezzare.
Invece si finisce con lo scoprire pagine originali, autori imprevisti, narrazioni inattese.
La condivisione con altri delle proprie impressioni di lettura aiuta sicuramente a vivere con maggiore interesse lo scorrere della vicenda e i temi trattati.
Insomma, il GdL può essere un modo diverso di vivere la passione per i libri.

E voi, avete mai partecipato a un GdL?

22 commenti:

  1. No, mai partecipato! Ma mi pare un'esperienza molto interessante, anche se io anche leggo quello che mi ispira, fregandomene delle tendenze, dei premi vinti, della fama dell'autore, ecc... dove posso trovare qualche gdl?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Su anobii ce ne sono diversi. Uno si chiama proprio "Gruppi di lettura", io partecipo a quelli organizzati da "Il salotto di Madame Charpentier"

      Elimina
  2. Guarda, esperienza sicuramente interessantissima, però non credo che faccia per me. Sono troppo individualista, perlomeno a livello di letture, per far parte di un gdl.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anch'io ero convinto di essere troppo individualista per un GdL, eppure all'atto pratico è stato interessante.

      Elimina
  3. Secondo me avrebbe un senso se coinvolgesse per esempio scrittori autopubblicati, che si organizzano in modo da leggere ognuno le cose degli altri, si danno a vicenda giudizi e suggerimenti e fanno il possibile per pubblicizzarsi.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Beh, quello che dici tu farebbe comodo anche a me, ma qua si parla solo di condividere una lettura, esperienza comunque interessante.

      Elimina
  4. Non ho mai partecipato ma l'idea mi ha sempre sfiorato. Il problema è che non credo di riuscire a reggere i ritmi di "lettori professionisti". Io ho bisogno dei miei tempi. Ho bisogno di abbandonare un libro a metà e poi riprenderlo un mese dopo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Beh, se uno non riesce a concludere la lettura insieme al gruppo non succede nulla, non sono previste punizioni corporali ;-)

      Elimina
  5. Ho partecipato tre volte, con lo stesso gruppo, solo online. La lettura si arricchisce di una sfera esterna, poiché la lettura diventa collettiva - poco forse in un GdL online, molto in quello da salottino di inizi '900. Nel primo caso ho scoperto un autore famoso, che però non avrei letto da solo. Le due volte successive si trattava di libri che avrei voluto leggere. I tempi erano comunque larghi, nessuno aveva fretta di finire. La consiglio come esperienza, ma non è per tutti.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Indubbiamente :-)
      Comunque penso che sia tutto sommato facile rimanerne soddisfatti.

      Elimina
  6. Gruppi di lettura veri e propri no, ma ho fatto qualcosa del genere in alcuni forum

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Va bene ugualmente, è comunque la condivisione l'aspetto interessante.

      Elimina
  7. Mhhhh se lo dici tu - e la mia sociopatia e le mie scelte individuali di lettura somigliano abbastanza alle tue - forse forse sarebbe un'esperienza da provare… come funzionano? Non li conoscevo e non ne ho idea!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Semplice: alcune persone si mettono d'accordo per leggere lo stesso libro nello stesso periodo, e si scambiano commenti e opinioni man mano che procede la lettura. Sul web è abbastanza discreto: ci si mette d'accordo fra utenti (sulla community anobii o su qualunque forum di lettori ne trovi parecchi interessati) e si stabiliscono libri, tempi e modalità degli interventi per evitare spoilers.

      Elimina
  8. Niente di diverso da ciò che avviene spontaneamente con alcuni amici parlando delle serie TV XD

    RispondiElimina
  9. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  10. Non ho mai partecipato e non penso sia un'esperienza per me, perché ormai sono arrivato ad un punto in cui difficilmente uscire fuori dai miei paletti di gusto. E poi se un libro no mi piace dopo le primissime pagine, non ci penso nemmeno a leggerne unrigo di più... Sì, lo so forse sono socio-letto-patico anch'io!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E se ti proponessero un libro che avevi effettivamente intenzione di leggere...?

      Elimina
  11. Non ci ho partecipato mai, ma ora ho cominciato a interessarmici...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche per me è stato un interesse improvviso.

      Elimina
  12. Invece lo trovo interessante, ma forse non ho afferrato bene: ci si incontra fisicamente, come alla vecchia maniera?
    O si commenta solo on line?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io ho sempre partecipato solo con commenti on line. Presumo sia possibile anche incontrarsi dal vivo, però spesso i partecipanti sono dispersi qua e là per l'Italia e non è così semplice trovare il punto d'incontro.

      Elimina