mercoledì 2 luglio 2014

In fondo, belpaese davvero

Chiunque legga con una certa assiduità il mio blog sa che non risparmio critiche né al nostro stato né a certi miei concittadini (senza andare troppo lontano, basta vedere la citazione riportata nel post precedente). Non sono di quelli che "Ah, l'Italia è il posto più bello al mondo" a prescindere.
Però, fresco di rientro da una settimana di soggiorno nella zona del lago di Garda (ma avrebbe potuto essere anche la Valdorcia, la Costiera Amalfitana o tantissimi altri luoghi lungo la penisola che ho avuto la fortuna di visitare) posso solo confermare che, beh, quando ci si riferisce allo stivale con l'appellativo belpaese, sì, se lo merita.








20 commenti:

  1. Eh sì, io non vedo l'ora di tornare, ormai le vacanze si avvicinano anche per me!

    RispondiElimina
  2. Che bellissime foto, senza dubbio sei fortunato di essere nato in Italia...

    RispondiElimina
  3. Niente da dire sull'Italia. Bella. Bella davvero. Ma le vacanze preferisco farmele all'estero, dove almeno non cercano di solarmi ad ogni passo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mah, non sono più tanto sicuro che siamo solo noi italiani a "solare" il prossimo.

      Elimina
  4. Mia nonna abitava a Peschiera del Garda e mi è capitato spesso di girare per quelle rive, io abito in Sicilia e di quanto a bellezze, in tutta Italia ce ne sono... sono le teste che non sono belle.
    Una donna può essere bella quanto vuole, come può esserlo un uomo, ma spesso certe vicissitudini imbruttiscono i visi e l'Italia, al momento, ha un viso imbruttito e vilipeso.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Purtroppo è un momento negativo, e la negatività non si può nascondere.
      Però ho notato che c'è ancora chi riesce a dare il meglio, nonostante tutto. Bisogna ripartire tutti e dare una nuova spinta morale a questo paese che si era adagiato su corruzione e favoritismi.

      Elimina
  5. In effetti è vero. L'italia è bellerrima, piena di perle naturali e architettoniche. Il problema è la popolazione italiana, che il mio motto "tolleranza" zero mi porterebbe a diminuire di almeno 3/5.
    Ehhh....

    Le tue foto sono incantevoli :-)

    Io invece altro che vacanza! Non ho più tempo nemmeno di scrivere il mio blog -___-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Dai, agosto si avvicina! Ci scapperà pure una settimana libera, no?

      Elimina
  6. Un posto davvero incantevole a giudicare dalle foto! xD

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Più di uno. Sono Riva del Garda, Gardone Riviera e Trento.

      Elimina
  7. Ma l'Italia è davvero un gran bel paese, il problema vero siamo noi italiani che lo abbiamo quasi distrutto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Per fortuna ancora non ce l'abbiamo fatta. Siamo ancora in tempo per andare in controtendenza ;-)

      Elimina
  8. Risposte
    1. E' una zona che conosci bene, eh?
      ;-)

      Elimina
  9. Io non sono ottimista a riguardo, o meglio, non riesco più ad esserlo.
    Nel mio mezzo secolo di vita ho visto le cose andare sempre peggio, e non vedo, onestamente, segni di ripresa, di una controtendenza.
    Il degrado della "mentalità" italiota prosegue, vent'anni di berlusconismo gli hanno dato una bella spinta, e la vedo molto, molto dura.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io spero che, essendo la quantità di bello così elevata, sia impossibile farla sparire.

      Elimina
  10. penso che la discriminante non sia il posto ma le persone. Io ho viaggiato poco all'estero, e comunque sempre in paesi limitrofi (austria, svizzera.. ) e per quel poco che ho visto le bellezze d'italia sono pari se non superiori alle altre, anche perché alle bellezze naturalistiche devi aggiungere quelle architettoniche. Quello che cambia è l'atteggiamento e il comportamento delle persone: tolte quelle che devono essere gentili per professione (albergatori, baristi, ecc. ma anche quelli non sempre!) per il resto sembra di essere in un pese allo sbando dove ognuno fa ciò che vuole. Il tutto, naturalmente con le dovute differenze! È lo stesso discorso che si fa per le differenze tra nord e sud d'italia. Come sai io sono terrone e da noi al sud abbiamo posti stupendi, sia di mare che di montagna che non hanno niente da invidiare al nord. eppure trovarsi in calabria o in sicilia (per fare qualche esempio) e avere un qualsiasi anche piccolo problema, diventa un dramma. così come trovarsi in un posto meraviglioso (faccio l'esempio delle montagne della Sila calabrese) e viaggiare per km e km e non trovare un posto dove mangiare o dormire; ma neanche un bar! niente di niente!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, l'organizzazione conta molto. Io ho visto che in Romagna, o sulla zona del Garda, riescono a "creare" attrattive anche dove non ci sono. Viceversa, in altri posti dove già ci sono naturalmente, non ci si organizza (ricordo ancora un signore di Viterbo lamentarsi del pochissimo sfruttamento turistico della Tuscia, che pure avrebbe tanti luoghi interessanti, ma restano cattedrali nel deserto dei servizi, della manutenzione e dei collegamenti stradali, e così ci vanno solo pochi curiosi che infatti si sorprendono di trovare luoghi così interessanti eppure così poco pubblicizzati e curati.

      Elimina