giovedì 4 settembre 2014

Libri vissuti - Le particelle elementari

Raccontare l’evoluzione della società occidentale nella seconda metà del XX secolo in un libro che ha la struttura di un romanzo e mescola il linguaggio scientifico di un saggio antropologico a una prosa altamente provocatoria. Mettere insieme contesti realistici e situazioni verosimili affiancandoli alle loro evoluzioni iperrealistiche e inverosimili con tale naturalezza da far sorgere il dubbio al lettore su quale sia il reale confine fra il materialmente documentato e l’immaginato.
Questi sono gli elementi caratterizzanti de “Le particelle elementari” di Michel Houellebecq.
Terzo romanzo da me letto dello scrittore francese, dopo "Piattaforma" e "Estensione del dominio della lotta", ho ritrovato temi ricorrenti e situazioni analoghe: disagio esistenziale, sessualità distorta e ossessiva, paranoie, volgarità, onnipresenza della morte e del decadimento fisico.
I tre romanzi citati non sono sullo stesso livello, c’è una certa discontinuità, però, bisogna ammetterlo, Houellebecq sa scrivere. Sa raccontare, sa provocare nella maniera corretta, sa creare dubbi, sa organizzare i dati sociologici in modo non improvvisato, sa ideare scene e situazioni grottesche sempre ben riuscite. E “Le particelle elementari” è il più riuscito.
Prescindendo dal finale e dall’ipotesi su come potrebbe evolversi l’umanità anche in senso biologico in base agli studi di Michel, uno dei due protagonisti, il vero indimenticabile personaggio del romanzo è Bruno, l’essere umano malriuscito: un condensato di nevrosi, perversione, ipocrisia, disperazione, vigliaccheria, rabbia, rancore, egoismo e materialismo. Una caricatura dell'uomo occidentale contemporaneo, un personaggio letterario che potrebbe essere il discendente attuale della voce narrante che si confessa nelle "Memorie del sottosuolo" di Dostoevskj (paragone che a molti sembrerà blasfemo ma che io mi azzardo a proporre).
Una lettura difficile, spiazzante, una sfida per il lettore che vale la pena di affrontare.

15 commenti:

  1. Oddio, potrebbe interessarmi una lettura del genere.
    Non conosco l'autore, sinceramente, ma metto fra i titoli da ricordare!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' una lettura difficile, un pugno nello stomaco, ma è Letteratura con la L maiuscola.

      Elimina
  2. Io invece Houellembecq lo conosco abbastanza bene, diciamo che da qualche tempo lo stanno, non dico riscoprendo ma riproponendo molto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Beh, all'inizio si è parlato di lui più per le polemiche (tipo quella sull'islamismo causata da una sua opinione in un'intervista, o sul turismo sessuale) mentre ora si valuta come autore, lasciando da parte le chiacchiere accessorie.

      Elimina
  3. Potrei cominciare vedendo il film, visto che per il momento di leggere il libro non se ne parla causa lista di attesa pressoché interminabile... Tu l'hai visto?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. No, non l'ho visto. Non so dirti se mantiene le suggestioni del romanzo.

      Elimina
  4. Non sapevo né l'autore né le opere, ma sembra molto interessante... vorrei leggerlo. Grazie.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Tieni presente che è un romanzo molto duro da leggere. Il linguaggio e le situazioni sono spesso cariche di violenza, volgarità, esasperazione, sofferenza. É un pugno nello stomaco. Va letto con la consapevolezza che può causare nausea e far mutare la tua visione del mondo in senso pessimistico.

      Elimina
    2. Grazie per il consiglio. Ora devo scegliere il momento giusto per leggerlo...

      Elimina
  5. Nemmeno io conosco il libro... Ciao :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vale quel che ho detto nel commento di risposta a Titti.

      Elimina
  6. Beh la durezza, volgarità ecc non mi spaventano… la sensazione di nausa, data dalla forza delle parole a me fin'ora l'ha data solo il libro di Arancia Meccanica... (il cui film, a confronto è una robetta all'acqua di rose, nonostante dia tanto di cappello a Kubrik).
    Più che altro mi chiedo se la mia visione del mondo potrebbe mai diventare più pessimistica di così!

    RispondiElimina
  7. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina