sabato 11 giugno 2011

Raw art again

Avevo già parlato in un altro post della raw art, ovvero la creazione compulsiva di strutture artistiche o architettoniche grezze e ingenue da parte di gente comune senza alcuna predisposizione accademica.
Visto l'interesse che ha suscitato, propongo un altro esempio di questa espressività spontanea, un "monumento" che ha ottenuto una certa notorietà negli Stati Uniti.

La Mountain of Salvation è stata edificata da Leonard Knight nei pressi di Niland, in California, ed è l'espressione del suo enorme fervore religioso. Va però aggiunto che secondo le testimonianze di chi lo ha conosciuto, quest'uomo non è affatto un fanatico. Sicuramente ha una spinta mistica interiore che lo portato a vivere lontano dalla città, in una zona semidesertica dove accumulando paglia, legno, tantissima vernice e anni di duro lavoro (nonchè ostacoli burocratici) ha edificato questa collina artificiale.

Il risultato è piuttosto naif, anche un po' kitsch se vogliamo, però non si può negare che ha un suo fascino dovuto proprio alla spontaneità con cui l'altura è stata creata.
I colori accesi e i tratteggi infantili, resi mastodontici dalle proporzioni della struttura, fanno pensare a un bambino gigante che si è messo a giocare con la plastilina...

Ormai è diventato una piccola attrattiva turistica. Molti vacanzieri diretti in California passano dalle parti di Niland per dare un'occhiata a questa curiosa opera nata dalla volontà di una singola persona.
Per chi volesse approfondire, esiste anche il sito internet ufficiale: salvationmountain.us

5 commenti:

  1. sarà un kitsch ma mi piace :D
    anche un po' pop direi

    RispondiElimina
  2. Speriamo regga alla pioggia!

    Simone

    RispondiElimina
  3. "Un po' kitsch" dici? Io la definirei trash o -meglio- rumenta. Terribbbbile! ;)

    RispondiElimina
  4. Avevo già visto questo curioso "monumento", anche se non ricordo dove, forse in qualche film o più probabilmente in uno di quei programmi televisivi dedicati ai viaggi.

    Beh, che dire, proprio bello non lo definirei, ma l'originalità e la libertà d'espressione ci sono tutte!

    RispondiElimina
  5. " ...fanno pensare a un bambino gigante che si è messo a giocare con la plastilina..."

    e nessuno si permettertebbe mai di pronunciare giudizi estetici sul prodotto dei bimbi, basta che facciano,no?
    Il bello è nel loro fare. Tutti disposti a sorridere, nel vederli fare.

    [Forse...]
    Davvero interessante questo blog

    RispondiElimina