lunedì 11 luglio 2011

Ucronie Impure

In genere quando segnalo un libro non ufficiale (autoprodotto o non reperibile tramite i canali editoriali classici) lo faccio solo dopo averlo letto e valutato personalmente.
Ma nel caso di "Ucronie Impure" mi permetto di raccomandarlo già al momento della sua uscita ufficiale sul blog di Alex perchè i dieci racconti che lo compongono sono stati selezionati e giudicati da Alex stesso, Nick, e altri bloggers ampiamente competenti e meritevoli di fiducia incondizionata.
Inoltre uno dei racconti è opera mia, e ovviamente il mio smisurato ego mi impone di soddisfare l'inevitabile vanità che deriva dall'appartenere a un progetto del genere ;-)
Perciò, andiamo tutti a scaricarlo (gratis) e a leggerlo insieme. Io comincerò già da domani.

8 commenti:

  1. Io, se permetti, comincio oggi!
    Temistocle

    RispondiElimina
  2. Hai ragione, con questi nomi si va sul sicuro! Appena scaricato, sono curiosissima :)

    RispondiElimina
  3. Anche io scaricato, ma sto aspettando l'ereader che arriverà a breve! ;)

    P.S: Ariano, hai centrato il banner. Molto meglio così! ;)

    RispondiElimina
  4. Aloha Ariano!
    Ogni tanto passo e leggo il tuo blog, anche se non commento mai e rimango in religioso silenzio.

    Il commento su Ucronie Impure però, e sul tuo racconto in particolare, sentivo di "dovertelo" dare.
    "Il millenario regno d'Italia" è il racconto che m'è piaciuto di più dell'antologia.

    Forse un po' "telefonate" le apparizioni dei due personaggi storici (ammetto di aver subito pensato a Michelangelo e a Dante), ma un'Italia "all'incontrario", forte militarmente e politicamente, senza aver avuto però il Rinascimento, è una genialata pazzesca.
    Molto, molto bello.

    Anche dal punto di vista stilistico.
    M'è piaciuto davvero tanto.
    Complimenti ancora, e grazie per la piacevolissima lettura!

    RispondiElimina
  5. Grazie Angelo. Ho già letto il tuo Kalokagathia (complimenti per la vittoria) e appena avrò finito l'intero ebook parlerò più approfonditamente di tutti i racconti che lo compongono.

    RispondiElimina