giovedì 25 gennaio 2018

Canzoni dimenticate degli anni '80 - 4

Solo pochi coetanei rammenteranno una band inglese attiva tra la fine degli anni '70 e i primi anni '80 che aveva scelto il nome di Japan, e forse proprio per questo motivo aveva riscosso un discreto successo in Giappone e molto meno in patria. Le loro canzoni avevano uno stile glam, ispirate dal primo David Bowie e Marc Bolan, ma anche da un gruppo a quel tempo famoso come i Roxy Music.
Si presentavano in scena vestiti elegantemente come dei fascinosi dandy, tuttavia la loro musica era tutt'altro che banale o commerciale. Nel 1983, proprio nel momento in cui iniziavano a ottenere consenso anche in Inghilterra decisero però di sciogliere la band. Accadde, più o meno come per i Beatles, per colpa di una donna giapponese (inconsapevole emula di Yoko Ono): Yuka Fuji, fidanzata del bassista Mick Karn, lo mollò all'improvviso perché innamoratasi del cantante David Sylvian.
Comunque, al di là di questa vicenda privata, entrambi i musicisti ambivano ormai a carriere soliste.
Entrambi si cimentarono con la sperimentazione. David Sylvian in particolare iniziò a collaborare con gli artisti della cosiddetta ambient music, visto che all'epoca, fortunatamente, la ricerca di sonorità alternative al pop e al rock era assai più attiva di oggi. Partendo dagli anni '70 con la psichedelia dei primi Pink Floyd e le band elettroniche come i Kraftwerk e i Tangerine Dream, in quel periodo erano apprezzati anche musicisti come Brian Eno, Robert Fripp, Bill Nelson e Philip Glass che creavano colonne sonore ma al tempo stesso producevano e mettevano sul mercato dischi altamente sperimentali.
David Sylvian nel corso degli anni avrebbe prodotto opere importanti come Alchemy: an index of possibilities che per scarsità di fondi uscì solo in musicassetta (e io mi vanto di averne un originale comprato a Londra) e Gone to Earth, un LP doppio al quale parteciparono numerosi altri artisti e che uscì anche in vinile (ho anche questo).
In quegli anni era particolarmente attivo (lo è tuttora in effetti) il musicista giapponese Ryuichi Sakamoto, al quale dedicherò poi un post apposito. Il 1983 fu come già detto l'anno dello scioglimento dei Japan, ma anche quello in cui si verificò un incontro artistico anglo-nipponico grazie a una coproduzione cinematografica.
Il film di Nagisa Oshima Merry Christmas Mr. Lawrence (uscito in Italia col titolo Furyo) raccontava una drammatica storia d'amore omosessuale durante la Seconda Guerra Mondiale in un campo di prigionia dell'esercito giapponese dove erano detenuti dei soldati inglesi. I protagonisti erano David Bowie, Takeshi Kitano e lo stesso Ryuichi Sakamoto che oltre ad aver composto la colonna sonora recitava la parte di un ufficiale giapponese.
Una delle sequenze sonore da lui composte era particolarmente suggestiva cosicché venne l'idea di trasformarla in una canzone con il testo in lingua inglese. Ed ecco la collaborazione fra Ryuichi Sakamoto e David Sylvian, che insieme al musicista giapponese riadattò la melodia diventandone poi il vocalist.


Ascoltandola forse qualche coetaneo se la ricorderà, visto che all'epoca ebbe anche un certo successo. Alla canzone venne dato il titolo "Forbidden colours", lo stesso di un romanzo di Yukio Mishima la cui trama però, seppur incentrata sull'omosessualità, non ha niente a che fare col film di Nagisa Oshima.
Io ho visto il film, letto il romanzo che ha lo stesso titolo, ho diversi dischi di entrambi i musicisti... Insomma, adesso tocca a voi ;-)
Riporto il testo tradotto in italiano e il video originale su youtube con la canzone completa in cui si alternano immagini di Sylvian e sequenze tratte dal film. Buon ascolto!

(Testo: Le ferite sulle tue mani sembrano non guarire mai. Pensavo che tutto ciò di cui io avessi bisogno era credere. Io sono qui, una vita lontano da te, il sangue di Cristo o il battito del mio cuore, il mio amore indossa colori proibiti, la mia vita crede. Anni insensati tuonano, a milioni sono pronti a dare la vita per te, c'è qualcosa che sopravviverà? Mentre lotto con sentimenti che sorgono in me le mie mani sono in terra, sono seppellito dentro me stesso. Il mio amore indossa colori proibiti, la mia vita crede ancora in te. Camminerò in tondo dubitando della terra che ho sotto i piedi eppure mostrerò una fede incrollabile in ogni cosa. Io sono qui, una vita lontano da te, il sangue di Cristo o un cambio nel mio cuore. Il mio amore indossa colori proibiti, la mia vita crede, il mio amore indossa colori proibiti, la mia vita crede in te ancora una volta.)

19 commenti:

  1. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  2. Brano straordinario quello che hai scelto e postato. Conosco bene Sylvian ed abbastanza bene i Japan. Orpheus di Sylvian è bellissima e tutto quell'album che la contiene è fantastico!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sicuramente ha dato un contributo qualitativo importante alla musica inglese.

      Elimina
  3. Ricordo perfettamente la colona sono di Furyo ma non ricordavo ne esistesse una versione non strumentale.
    Ma ora che ci penso non ricordo nemmeno nessun pezzo dei Japan (né tantomeno qualcosa di Sylvian solista).

    RispondiElimina
    Risposte
    1. I Japan piacevano più alle ragazzine per la loro aria da fighi (quantunque cercassero di fare musica decente) mentre Sylvian da solista è sempre stato un musicista di nicchia, dischi molto sperimentali mai trasmessi da nessuna radio.

      Elimina
  4. David Sylvian, ricordo che abbandonò spaventato il settore quando alcuni tabloid britannici cominciarono a scrivere che lui era l'uomo più bello del mondo e Sylvian voleva invece essere giudicato solo sulla base della sua musica.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, ho apprezzato molto la sua scelta di fare una ricerca musicale complessa anziché diventare un nuovo Simon Le Bon.

      Elimina
  5. Eh beh, Sylvian, figura di spicco dell'Art Rock britannico, tante collaborazioni successive ai Japan, oltre al citato Sakamoto anche con Robert Fripp dei King Crimson. Di Mick Karn ricordo l'album con Peter Murphy dei Bauhaus, Dali's Car, ne hai già parlato sul blog.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, l'elenco dei musicisti coinvolti nel progetto "Gone to Earth" è di primissima qualità, fu un doppio LP epocale.

      Elimina
  6. Caspita! Anch'io ho avuto la musicassetta di "Alchemy", ma l'ho gettata nel cassonetto molti anni fa, quando ho smesso di usare il mangianastri. Ho forse fatto una cavolata?
    Avevo inoltre la musicassetta di "Secrets of the Beehive", mentre adesso di suo mi rimane solo il cd "The First Day" in collaborazione con Fripp.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Beh, sei comunque ben attrezzato ;-)
      Ti dirò, non ho idea se la cassetta originale di "Alchemy" possa avere un qualche valore collezionistico.

      Elimina
  7. Ricordo vagamente il film, sembra passato un secolo e forse è proprio così. Non conoscevo la storia della band, questi tuoi post sono sempre molto interessanti.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie, mi limito a scavare nei miei ricordi musicali di quegli anni :-)

      Elimina
  8. Solo leggere quei nomi mi incute la nostalgia...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Beh, adesso sono meno attivi, però potrebbero ancora fare qualcosa...

      Elimina
  9. Avevo visto Furyo parecchio tempo fa, e mi era rimasto molto impresso forse perché vi recitava David Bowie. Ma non ricordo la colonna sonora in quanto la mia memoria musicale è una specie di colabrodo. ;) Grazie mille per il post!

    RispondiElimina
  10. Ma Takeshi Kitano, quello di Mai Dire Banzai!
    Di David Sylvian (i Japan li conoscevo di nome non di fatto) conoscevo la collaborazione con Robert Fripp.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, proprio quel Takeshi, che è anche regista e attore cinematografico (di film da lui diretti ho visto solo "L'estate di Kikugiro" che comunque è un film grazioso).

      Elimina