mercoledì 1 agosto 2018

La mappa delle Terre Occidentali

Per questo post ho preso spunto da un commento di Ivano che mi chiedeva come è nata la mappa delle Terre Occidentali.
Il punto di partenza è stata la mia passione per le mappe geografiche dell'età barocca, quelle in cui il mistero delle regioni ignote, i pericoli degli abissi marini e la foggia degli abiti dei vari popoli assumono una forma visibile sulla cartina, accanto ai nomi della città e ai confini fra le nazioni, oppure sul bordo esterno, una sorta di didascalia illustrata che trasforma la geografia in arte.
Per esempio una cartina di questo genere:


Però le Terre Occidentali, quantunque ispirate dall'Europa, non potevano essere identiche. Inoltre l'ambientazione prende spunto dalla Storia europea del XVIII secolo piuttosto che da quella del XVII, cosicché i popoli (e i loro vestiti tipici) che compaiono sul bordo sarebbero stati inopportuni.
E allora ho deciso di lavorarmi un po' questa mappa con l'aiuto di alcuni programmi di fotoritocco.
Questo è il risultato finale:


Ho sostituito i popoli con gli stemmi delle nazioni e apportato qualche modifica alla morfologia del vecchio continente. Diciamo che ho cazzeggiato mi sono sbizzarrito ;-)
Se avete qualche domanda più specifica sulla mappa, sono a disposizione.

17 commenti:

  1. Una sola, Ariano. Chi te l0ha fatto fare? ahahahahaha
    Scherzo! Scommetto che ti sei pure divertito alla grande. :)
    Il risultato è ottimo! La vedo er la prima volta perchè non ho anora iniziato il libro. Me ho un altro quasi a metà... sorry! :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non scherzare perché... invece hai proprio ragione: 'na sola! :-D

      Elimina
  2. Mi piace moltissimo la seconda mappa! È importante che tu ti sia divertito scrivendo questo romanzo, credo sia una delle cose belle della scrittura

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, infatti qui si può proprio parlare di divertissment. Non voglio dire che non ci abbia messo impegno nello scrivere, però ho avuto come obiettivo scrivere qualcosa che si leggesse come il classico romanzo "estivo". Per capirci, il classico da imitare è stato Salgari più che Pirandello ;-)

      Elimina
  3. Vedo che in Italia hai ripristinato lo Stato pontificio e il Regno delle due Sicilie ;-D
    Ti ringrazio per avere esaudito la mia richiesta, Ariano, ma una domanda mi permane: gli stemmi li hai ripresi pari pari cambiando solo il nome o pure quelli sono rielaborati?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. No, gli stemmi sono totalmente inventati. Non hanno alcun riferimento voluto a quelli reali (se scorgi qualche similitudine, è del tutto involontaria).

      Elimina
  4. Non avevo mai visto una mappa antica con i costumi! è fantastica!

    Sappi che i leccesi se la prenderanno a male perchè hai troncato di netto il tacco nella tua mappa.. ahahahaha!
    Il mio paese penso ci sia per il rotto della cuffia! xD

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In realtà, se vedi bene, ho "riempito" il golfo di Taranto, praticamente ho esteso la terraferma pugliese sino alla Calabria :-D

      Elimina
    2. Ma il tacco è sempre il tacco.. ahahaha! Questa sembra la scarpa a punta di una strega! xD

      Elimina
  5. Ariano sei un genio!! Hai avuto una bellissima idea!

    RispondiElimina
  6. Che bella idea, complimenti!

    RispondiElimina
  7. E' interessante. E' propria tua!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, come "photoshop" è mia. Però mi da più soddisfazione la copertina fatta da mia figlia ;-)

      Elimina