mercoledì 6 novembre 2019

Dell'irrazionalità umana, ovvero: il mio sabato al Lucca Comics

Recarsi in un luogo sapendo che vi si dovranno trascorrere lunghe ore sempre in piedi, carichi di buste e pressati dalla folla, per di più dovendolo fare sotto la pioggia e coi piedi in mezzo al fango, denota razionalità?



Direi proprio di no. Eppure decine di migliaia di persone lo hanno fatto lo scorso sabato a Lucca, quindi ciò dimostra inoppugnabilmente che l'essere umano (compreso quello quasi umano che sta scrivendo questo post) è del tutto irrazionale.
D'altronde, a parziale giustificazione, si può argomentare che per quanto riguarda la pioggia era possibile ripararsi all'interno del Palazzo Ducale e ammirare tavole e disegni originali, vere opere d'arte di grandi autori del fumetto internazionale. L'amico Ivano Landi avrebbe sicuramente gradito la sala dedicata a Jeffrey Catherine Jones...


Straordinari anche i virtuosismi della penna di Emil Ferris...


L'allestimento più tenebroso era ovviamente quello riservato al maestro del gore Suehiro Maruo...



Per quanto riguarda i cosplayers, ho scattato varie foto ma parecchie sono venute sfocate, un po' per la poca luce (sempre nuvole e pioggia, ecchecca**o!) e un po' perché è davvero ora di buttare la Kodak FZ151 - che fa davvero schifo come digitale – e di sostituirla con una vera macchina fotografica.
Propongo comunque alcuni scatti dove prevale la... follia generale del Lucca Comics:





Cose che sono abbastanza normali nel contesto...



Non ho tenuto il conto delle bancarelle in cui ho curiosato a Japantown, delle installazioni viste lungo le mura, degli stand visitati, però di una cosa sono certo: ho potuto vedere meno di un quinto di quel che c'era.
Perché in fondo il Lucca Comics è una metafora della vita: offre una quantità infinita di esperienze e possibilità di cui si riesce a sfruttarne solo una piccolissima parte, ma il solo fatto di esserci è già una soddisfazione ;-)

16 commenti:

  1. Penso di esserci anch'io l'anno prossimo, magari i primi giorni, quelli meno "affollati"..vedremo!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se hai la possibilità ti conviene, il sabato è veramente una cosa pazzesca.

      Elimina
  2. Per rispondere alla tua domanda, razionalità no ma sicuramente una forte ed intensa passione, e parafrasando una nota frase di Tonino Guerra, la passione è il sale della vita.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La passione rende folle anche il più equilibrato degli esseri umani ;-)

      Elimina
  3. Eh eh, mi hai tirato un bel colpo basso citando la sala dedicata a J.C.J. ;-D
    Chissà se riuscirò mai a vincere l'allergia che ho sviluppato per la manifestazione da quando da Comics è diventata Comics and Games... O forse sono solo un po' meno irrazionale di un tempo ;-D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. L'unico consiglio che ti posso dare è di evitare il sabato e la domenica. Se riesci a andarci di giorno feriale dovresti godertela, games o non games ;-)

      Elimina
  4. Se essere razionali vuol dire essere vecchi dentro, no grazie.
    Se invece vuol dire usare poca fantasia e di conseguenza godersela poco, ni.
    Se ti sei divertito,se sei appassionato puoi anche essere razionale ma con quel pizzico di fanciullezza che ti permette di vedere le cose con occhi diversi. Allora, sì che va bene!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Come al solito mi aiuti a vedere meglio le cose :-)

      Elimina
  5. Chissà se e quando potrò tornarci, voglio distruggermi in quella orda di fango e gente... ahahahah!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ti auguro di poterlo fare già dal prossimo anno ;-)

      Elimina
  6. La passione supera sempre la razionalità.
    Ciao.fulvio

    RispondiElimina
  7. Hai chiuso il post in maniera perfetta: vale sempre la pena sperimentare poco anziché rinunciare del tutto per paura di non riuscire a trarne soddisfazione. Pure sotto la pioggia e con i piedi a mollo. 😉

    RispondiElimina
  8. Lucca Comics metafora della vita, mi piace e sono d'accordo con te. È la passione che costringe a restare in piedi con fatica pressati dalla folla e quando c'è si viene comunque ripagati. Io, a suo tempo, andavo a molti concerti di Ligabue ed era faticoso, ma ero felice di esserci. Purtroppo negli ultimi tempi, per problemi vari, non riesco più ad andarci e mi manca.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ti auguro di avere presto l'occasione per... subire piacevolmente i disagi derivanti dalla tua vecchia passione :-D

      Elimina