giovedì 8 febbraio 2018

Abruzzo

Quando ho letto, qualche giorno fa, la notizia che il paesino abruzzese di Città Sant'Angelo è stato inserito dalla rivista Forbes tra i dieci luoghi ideali per trasferirsi nel 2018, il mio primo pensiero è stato: "Allora devo tornarci".
Eh sì, perché io c'ero già stato varie volte quando ancora nessuno lo conosceva.
É un comune sparso, diviso in più frazioni, di cui molte di recente costruzione con case moderne. Ma in cima a un colle vi è il borgo storico con la tipica strada centrale lastricata, le chiese e le piazzette antiche. Se ci capitate avrete la sensazione di trovarvi nel mezzo di Pane, amore e fantasia e da ogni vicolo vi aspetterete di veder sbucare Gina Lollobrigida e Vittorio De Sica...


In autunno può sembrare un luogo un po' triste...


... ma basta entrare in una trattoria locale, gustare rustell e pasta alla mugnaia e torna subito l'allegria. E poi quando arriva la bella stagione e il sole illumina gli oliveti e le case di campagna, è davvero piacevole fare un'escursione.


A pochi chilometri c'è un altro paesino che a quelli di Forbes è sfuggito ma secondo me potrebbe tranquillamente aggiungersi alla lista: Atri.
Ha un centro storico bellissimo in cui spicca il Duomo di Santa Maria Assunta.


Sul belvedere però si possono trovare anche sculture moderne. Ammetto di non amare granché l'arte astratta, però alcune di queste sculture danno una certa suggestione.


E visto che sto parlando dell'Abruzzo, impossibile non nominare il Gran Sasso.
Ai piedi della catena montuosa c' è un luogo interessante da vedere, prescindendo dalla fede religiosa: il Santuario di San Gabriele.


Da lì si ha una vista meravigliosa delle vette, innevate anche in piena estate.


A San Gabriele sono stato vittima della legge del contrappasso: mentre stavo fotografando, qualcuno mi ha fotografato. Che dite, posso perdonare i colpevoli di questo scherzo? ;-)

23 commenti:

  1. Conosco l'Abruzzo da quando ero piccolo,è davvero una regione meravigliosa.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io pure la conosco da quando ero piccolo ma ammetto di aver imparato ad apprezzarla quando sono diventato adulto.

      Elimina
  2. L'Abruzzo è speciale, è vero. Mi piace l'ultima foto che vi ritrae. Tenera. Quanto sono belle le gite. :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, lasciano sempre dei bei ricordi.

      Elimina
  3. Ho viaggiato pochissimo e quindi non conosco l'Abruzzo. Credo però che come tanti altri luoghi italiani sia più che degno di essere visitato e ammirato. E magari anche un po' di pubblicità non può che far bene.
    Abbiamo paesi, borghi, vicoli così pieni di storia che mi fa male il pensiero che vengano dimenticati

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ognuno di noi, nella sua regione di appartenenza, chissà quanti luoghi del genere potrebbe scoprire...

      Elimina
  4. Ci sono centinaia di borghi in Italia di cui non si conosce l'esistenza. In questo, perlomeno, come tu dici sembra di rivedere i divi alle prese con uno dei più celebri film del Novecento.
    Ho appena visto a Geo un dossier su Trevignano Romano, per dirne un'altra. Ne avevo sentito parlare ai tempi della scelta delle cattedre di insegnamento, invece scopro che trattasi di un vero e proprio gioiello.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. É vero, anche nel Lazio ne abbiamo di borghi incantevoli.

      Elimina
  5. Uno scherzo che si può perdonare;)
    Pensa che da Città Sant'Angelo ci passo sempre in autostrada e ogni volta mi chiedevo "chissà che città è, chissà se è un bel posto", adesso non me lo chiederò più, mi chiederò invece "chissà se riuscirò mai ad andarci", ho pensato questo quando ho sentito la notizia al tg. È un peccato non poter visitare tutti i luoghi che ci suscitano curiosità e nascondono dei piccoli tesori. Ma mai dire mai.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Però tieni presente che la parte bella è il borgo storico, non le tante frazioni che lo compongono.

      Elimina
  6. In Abruzzo ero stata moltissimi anni fa al mare, e avevo fatto una gita nell'entroterra, ma lo conosco poco. Hai ragione, la prima foto sembra il set di Pane, amore e fantasia. Il Duomo di Santa Maria Assunta per me è molto "attirante"!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il centro storico di Atri è davvero grazioso: è in ottime condizioni e non è stato "stravolto" dalla modernità.

      Elimina
  7. Non so perché, ma la penultima foto mi trasmette un forte sapore anni '70. Mi sembra perfino di esserci stato in quel posto anche se sono sicuro di no.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. É probabile che l'albergo che si vede in primo piano sia stato costruito proprio negli anni '70. Può essere un motivo?

      Elimina
    2. Forse, ma è proprio la foto nel suo insieme a trasmettermi la sensazione. C'è quel qualcosa nell'aria...

      Elimina
  8. Da piccola ho trascorso un’estate nel bosco di Alfedena, l’unico “Abruzzo” che conosco e di cui ho un ricordo piacevolissimo.
    Ma le tue foto rendono giustizia anche ai luoghi che descrivi. Visitarli non sarebbe male.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Devo chiedere alla Pro Loco Abruzzo se mi riconosce qualcosa per la pubblicità che sto facendo... :-D

      Elimina
  9. Sono stata in Abruzzo qualche anno fa, allora visitai Pescasseroli che è sede del Parco dell'Abruzzo. Mi piacerebbe tornare e visitare il borgo che hai descritto magnificamente ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vale la pena, comunque la visita che hai fatto tu è quella per certi aspetti più significativa: le bellezze naturalistiche dell'Abruzzo sono davvero uniche.

      Elimina
  10. Il seppia della prima foto è originale o hai usato un filtro? :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Un filtro digitale. La foto è stata scattata ai giorni nostri, un programma di photo editing mi ha permesso di trasformarla in seppia per farla sembrare vintage.

      Elimina