sabato 28 settembre 2019

Yumi & Nana - Niente da dire


22 commenti:

  1. Cosa aspetti a trovare un fidanzato a queste due disperate?

    RispondiElimina
  2. Non si possono assegnare temi così crudeli!
    Io avrei parlato del mio approccio per conquistare i miei gatti e la mia conseguente sottomissione a loro schiava... un amore impari!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io avrei scritto della bellissima ragazza bionda che mi corteggiava insistentemente... una ragazza che esiste solo nella mia fantasia, ovvio (è questo il bello di essere scribacchino: puoi inventare tutte le pal... ehm, storie che vuoi ;-)

      Elimina
  3. Uomo crudele, Ariano!!!!!!! Ma che ti hanno fatto ste due poverine? ahhahahahahahaha

    RispondiElimina
    Risposte
    1. L'anno prossimo avranno le loro soddisfazioni, promesso ;-)

      Elimina
  4. Vabbè dai, un po’ di fantasia: non puoi raccontare esperienze reali?inventati quelle che ti piacerebbe vivere! 😉 Si vede che queste due signorine non faranno mai le scrittrici! 😁

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Infatti quando ci assegnavano temi con titoli del genere io dovevo inventare tanto :-D

      Elimina
  5. Risposte
    1. Quanti ne vuoi. Sono i cosiddetti "dating games" in cui si possono "vivere" (si fa per dire) appuntamenti virtuali con ragazzi/e per "imparare" (ancor di più si fa per dire) come comportarsi negli appuntamenti reali...

      Elimina
  6. Devo dire che la realizzazione delle studentesse dietro Yumi e Nana è stata fatta in maniera sapiente, un dettaglio grafico che è stato carino mettere.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi suona vagamente ironico ;-)

      Elimina
    2. Assolutamente no. Intendo dire che uno poteva "dimenticarsene" e lasciare uno sfondo qualsiasi, invece le hai messe in prospettiva e sfumate come le coglierebbe l'occhio umano.

      Elimina
    3. Meno male, temevo che l'eccessivo filtro rosso (che ho dovuto applicare per forza per vari motivi) risultasse un po' troppo vistoso.

      Elimina
  7. Evviva le app e le nuove tecnologie che ti salvano in ogni circostanza :-))) Poverine, un tema su un argomento che non puoi studiare ma solo vivere, maestra ingiusta :-)))

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Magari ci fossero state app del genere quando mi toccavano compiti in classe su argomenti sui quali ero impreparato... Vabbé, a quei tempi non c'erano neppure i cellulari...

      Elimina
  8. Al limite poteva proporre un tema sul significato universale dell'amore. Secondo me anche la professoressa ha dei problemi... ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. No, è solo una professoressa molto ottimista che pensa che la categoria "sfigati/e" sia solo un'invenzione dei mass media ;-)

      Elimina