domenica 5 novembre 2017

Dodecalogo della mia esperienza al Lucca Comics 2017

E per il terzo anno consecutivo sono andato a Lucca per la più nota kermesse fumettistica nazionale. Fra qualche giorno, con più calma, pubblicherò alcune foto. A caldo posso dire che ieri ho imparato un po' di cose che riassumo in un elenco:
1) Evitate di andarci il sabato: traffico assurdo, ore perse in auto, ressa, folla inenarrabile.
2) Ma se proprio è l'unico giorno disponibile, andateci lo stesso perché poi una volta che siete lì ne vale comunque la pena.
3) Se vostra figlia vi chiede di mettersi in fila dietro a sessanta persone per farsi autografare un fumetto, ditegli di no perché perderete un'ora che potrebbe essere impiegata meglio.
4) Però, ripensandoci, invece fatela quella fila: il sorriso di soddisfazione che illuminerà il volto della principessa ad autografo ottenuto è un bel modo di impiegare il vostro tempo.
5) Se non avete la possibilità di indossare un cosplay ben fatto evitate cose raffazzonate.
6) Ma d'altro canto, in quell'atmosfera di follia positiva che pervade le stradine storiche, un cappellino di Arale o una sciarpa di Harry Potter stanno sempre bene, anche se indossati su vestiti normali.
7) Se incontrate Sampei il pescatore non vergognatevi a cantargli la sigla del cartone animato.
8) E se una band improvvisata inizia a suonare la sigla dei Flinstones, c'è da essere fieri di essere stato l'unico che l'ha cantata a memoria senza sbagliare una parola.
9) É legittimo che il maschio che è in voi non resti indifferente quando passano belle figliole seminude (o se siete donne, quando passano certi palestrati col busto scoperto).
10) Però è ancor più legittimo che subito dopo vi chiediate se si trattava del cosplay di Mew Pam delle Tokyo Mew Mew o se era invece un altro majokko...
11) Arrivati a fine giornata coi piedi gonfi e le gambe indolenzite per i chilometri percorsi, le braccia doloranti per le buste pieni di fumetti trasportate per ore e i riflessi psicofisici azzerati, è sacrosanto ripromettersi di non tornare più.
12) Ma è ugualmente sacrosanto che poche ore dopo, sul letto, vengano pensieri tipo "L'anno prossimo voglio provare a venire di giovedì, magari è meno affollato..."

34 commenti:

  1. Ah ah! Grazie mille per questo bell'assaggio di reportage, visto che io ormai Lucca Comics la vivo solo per luce riflessa. Comunque ho incaricato un amico, che ci è andato furbescamente di giovedì, di procurarmi un volume e ieri, in attesa di poterci mettere le mani sopra, mi ha recapitato per e-mail le dolci parole: missione compiuta ;-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io al posto del tuo amico mi sarei fatto pagare un'addizionale per "missione in zona pericolosa" :-D

      Elimina
  2. Idee chiare vedo, ma quella più chiara in assoluto è che vale davvero la pena andarci in ogni caso, di sabato, di giovedì e comunque godersela.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, alla fine è un'esperienza comunque bella da vivere.

      Elimina
  3. Che invidiaaaa... voglio tanto tornarci!!! Voglio anche io seguire tutti i punti (a parte quello della "figlia" che non ho e sostituirei con altro)... spero di vedere presto le foto! ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Per le foto sarai accontentata a breve.
      Per il ritorno a Lucca, ti auguro di poterlo realizzare già dall'anno prossimo :-)

      Elimina
  4. Adoro Lucca ma non l'ho vista nei giorni di questa fantastica kermesse.
    Finora la mia esperienza si è limitata a Romics, che sicuramente conoscerai. Certo una bella esperienza, ma pur sempre racchiusa fra padiglioni della Fiera. Lucca deve essere tutta un'altra storia.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anch'io sono abituato ad andare a Lucca anche in altri periodi non-comics (farsi un giro in bicicletta lungo le mura è veramente piacevole). Confermo che rispetto al Romics c'è il bello di stare in mezzo alle strade di una bella città e non all'interno di padiglioni.

      Elimina
  5. Idee chiare e concetti ancora più chiari. Ti invidio perché sono anni che non riesco ad andare al Lucca Comics.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mai disperare, io ci sono andato per la prima volta in vita mia tre anni fa, a un'età non certo "verde" ;-)

      Elimina
  6. Quest'anno la tonsillite ci ha tenuto a casa, ma Lucca ci è mancata talmente tanto che ci stiamo già attrezzando per l'anno prossimo (base dentro le mura, un sogno che si realizza?)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io per l'anno prossimo stavo pensando a una tenda da campeggio nel prato dell'ex fossato intorno alle mura... :-D

      Elimina
  7. Ma la domanda sorge spontanea: Come fanno le cosplayers e i cosplayers ad andare in giro mezzi nudi a metà novembre?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono giovani... e poi sabato hanno avuto fortuna, è stata una bella giornata con temperature accettabili.
      N.B.: se andavo a petto nudo io mi beccavo comunque 40 di febbre eh! :-D

      Elimina
  8. Non sono mai riuscito ad andarci e me ne rammarico. Chissà magari ci riesco l'anno prossimo...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non è mai troppo tardi per iniziare, io ne sono l'esempio vivente ;-)

      Elimina
  9. Quest'anno è lo scorso non ce l'ho fatta per ovvie ragioni, ma il prossimo spero di tornarci anche per rivedere un po' di amici, te compreso!

    Dopo il mio primo Lucca comics avevo scritto anch'io un post con quello che avevo imparato! Che bella coincidenza! Un abbraccio a te e alla principessa, a distanza, purtroppo...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Magari, sarebbe bello rivedersi. Mi piacerebbe vedere anche l'erede al trono, ma immagino che non abbia ancora l'età giusta per poter "partecipare" a un evento del genere.

      Elimina
    2. Si è già vista qualche fiera del libro, però più nelle vicinanze. Quest'estate è scesa anche al sud per incontrare dei parenti, ma non ce la sentivamo di farle fare un altro viaggio molto lungo così piccina, quindi abbiamo rimandato all'anno prossimo (così prima le facciamo vedere il Cartoomics a Milano e familiarizza con i cosplayer, ahaha). Quindi, ci rivediamo l'anno prossimo e facciamo incontrare le due principesse!

      Elimina
  10. Io quattro anni fa sono andato al corrispettivo torinese, il Torino Comix.
    A firmare gli autografi c'era un David Prowse con un'espressione che diceva che avrebbe voluto trovarsi a miglia e miglia lontano da lì.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Beh, dopo due ore a firmare autografi penso sia normale sentirsi un po' annoiati. Specialmente dentro quei tendoni in cui si soffoca e c'è un rumore di fondo costante che cigola nelle orecchie.

      Elimina
    2. David Prowse, che conosco di persona, è anziano, zoppo e con mille problemi. Non è che si smarona a fare autografi (visto che su quelli guadagna), è proprio così lui oramai…

      Elimina
  11. Ormai per il Romics i miei figli si muovono in autonomia. Vanno con gli amici, non è più tempo di mammine al seguito. Peccato, a me piaceva tanto! 🙁

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E tu vacci per conto tuo, magari con un cosplay appropriato, tipo Deadpool, che copre completamente il volto così non ti potrebbero riconoscere neppure se ti incontrassero fra gli stand ;-)

      Elimina
    2. Che ideona. Quasi quasi...

      Elimina
  12. A volte ritornanoooooooo
    Ciaooooooooo

    Ovviamente c'ero anche io là!
    E sottoscrivo ogni tua parola…
    Mi spiace essere sparita per un bel po', in realtà non sto più leggendo niente e nessuno e non sto nemmeno più coltivando il mio, di blog…
    È un momento, passerà!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao, bentornata :-D
      I momenti di pausa capitano, io ne ho fatto uno abbastanza lungo.
      P.S.: sempre nel gruppo di Star Wars nei panni di Leia Organa o hai cambiato cosplay stavolta?

      Elimina
  13. Aggiungerei anche un "vado all'apertura solo per farmi autografare questi volumi, poi scappo per non rimanere fagocitato dal marasma generale" e ti ritrovi a fare un fila di un paio d'ore per entrare, nonostante tu sia arrivato un'ora prima dell'apertura dei cancelli, e uscire al tramonto carico come un asino di roba comprata. Cronache di vita vissuta al Torino Comics di qualche anno fa... e lo rifarei volentieri :P
    Aspetto le foto con impazienza :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ci intendiamo sempre noi ;-)
      Per le foto ormai c'è poco da attendere, ma non ti aspettare granché, il fotografo vale poco...

      Elimina
    2. Non è vero, ma anche fosse, tranquillo, porto gli occhiali :P

      Elimina
  14. Da quanto leggo, è un mondo dove vige una legge e il suo esatto contrario... ma questo e altro per la principessa del cuore! Il commento sui cosplayer mezzi nudi mi ha fatto sbellicare. :-D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Un geek / nerd / otaku resta tale, soprattutto in un contesto del genere :-D

      Elimina
  15. Allora ti sei divertito! Anche le foto lo dimostrano.

    RispondiElimina