martedì 25 settembre 2012

Di padre in figlia


La maggior parte delle passioni e dei talenti non si ereditano dai propri genitori, ma dall’esperienza diretta della vita. Tuttavia è innegabile che alcune inclinazioni derivano dal patrimonio genetico che ci portiamo appresso. Mio padre non ama i libri, ma suo padre (ovviamente mio nonno) componeva poesie, e scrisse anche un paio di romanzi. Il fratello di mio nonno era maestro di musica, però i suoi figli e nipoti hanno mostrato poco interesse in questo settore, ma alcuni nipoti di suo fratello (sempre mio nonno) suonano nella banda musicale cittadina. Insomma, qualcosa si trasmette. Magari saltando una generazione o confluendo in un ramo parallelo della discendenza.
Qualche volta aiuto mia figlia coi compiti. In una di queste occasioni la maestra aveva chiesto ai bambini di disegnare un giardino.
La mia principessina mi ha chiesto se potevo fornirle delle illustrazioni da copiare, e per sua fortuna avevo proprio un libro sull’argomento: giardini italiani in stile rinascimentale, giardini alla francese con ampie geometrie, giardini all’inglese dall’aspetto quasi selvaggio, giardini zen giapponesi… 
“Mi piace il giardino zen” ha deciso lei in un millesimo di secondo senza nessun tipo di incoraggiamento da parte mia, giuro. Siccome doveva anche scrivere un pensierino per descriverlo, ha voluto che gliene spiegassi le caratteristiche.
È ancora una bambina, quindi ho cercato di semplificare al massimo i concetti. Questi che seguono sono i risultati.

Mentre lei svolgeva il compito io la osservavo. Mi sentivo compiaciuto come… un papà che si rivede bambino nei gesti e nei gusti di sua figlia :-)

24 commenti:

  1. Che bellooo.. è stata bravissima e vedo che anche la maestra ha apprezzato molto! xD

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, devo dire che per il momento le maestre parlano bene di lei. Speriamo continui così.

      Elimina
  2. Meraviglia
    sento l'orgoglio che esce dal pc

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Beh, sì, anche un po' di orgoglio, lo ammetto ;-)

      Elimina
  3. E che cavolo. Mi hai fatto piangere (e ce ne vuole, credimi...).

    Non vedo l'ora di aiutare Leonardo a fare i compiti :)

    RispondiElimina
  4. Bellissima e bravissima la Ninfea uscita dal laghetto per contemplare la sua opera!
    Come il padre si intuisce la predisposizione all'ordine e l'inclinazione alle bellezze del Giappone :))

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Spero però che sia anche un po' più sveglia di me :-D

      Elimina
  5. Buon sangue non mente! Complimenti a tutti e due i genitori per aver assemblato una bambina così sveglia! adesso però non metterla davanti a sanguinolenti zombi o a mostriciattoli verdi, che ancora c'è tempo per crescere.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. É femminuccia e ama le fatine (ma non disdegna i cattivi lottatoti del videogioco Tekken ;-)

      Elimina
  6. Sono molto contento, ho anche un pizzico d' invidia perchè non ho figli. :)
    Sento tanto orgoglio di padre uscir fuori da questo piccolo post e la cosa fa bene anche alla mia anima.

    RispondiElimina
  7. Ma tenera...ha scritto ninfee perfettamente!
    Anche il disegno è stupendo e devo dire, molto tridimensionale!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Le piace molto disegnare, come a tutti i bimbi.

      Elimina
  8. Il disegno è bellissimo!
    Ma lei guarda qualche anime? :-P
    Lo chiedo per la bellezza del disegno e per la scelta del giaridno Zen!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Guarda centinaia di cartoni, di tutte le nazionalità.

      Elimina
  9. Post così mettono allegria! Immaginare una padre e una figlia intenti a fare i compiti su un giardino zen è davvero bellissimo.

    Comunque le passioni in genere non si ereditano nel sangue, ma attraverso i gesti. Si vede qualcuno fare sempre qualcosa (es. leggere) e si imita e poi un giorno può diventare o meno una passione. A volte le passioni saltano una generazione quasi per ripicca, secondo me. Ma il discorso è lungo, quindi magari l'off-topic pedagogico lo faccio un'altra volta, eh?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ipotesi interessante, attendo il post sull'argomento :-)

      Elimina
  10. Ma che bello!! sia il disegno, sia quello che ha scritto! e la maestra che scrive super bravissima ha tutta la mia simpatia!! :))

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ovviamente puoi immaginare la soddisfazione del papà ;-)

      Elimina
  11. Ne sarai rimasto felicissimo...
    La tua figlia riceve il tuo DNA direttamente...
    Ma che bravissima, questo disegno è meraviglioso!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie, può darsi che davvero abbia ricevuto un po' della mia passione per la cultura giapponese.

      Elimina
  12. Conserva questi reperti.
    Un giorno, saranno preziosissimi, per te. ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ho un intero museo dedicato a mia figlia... ;-)

      Elimina