sabato 4 dicembre 2010

Conversazione immaginaria (forse) - 3

RAGAZZO 1: Guarda, quello nun capisce un cazzo.
RAGAZZO 2: Nun ha mai capito un cazzo.
RAGAZZO 1: Bravo. Hai detto bene: nun ha mai capito un cazzo. Io lo conosco da quando annava a le scuole medie, e già all’epoca diceva solo cazzate.
RAGAZZO 2: E che cazzo deve dì, nun c’ha er cervello.
RAGAZZO 1: Che cervello, quello nun c’ha un cazzo in testa. Completamente vòta.
RAGAZZO 2: Io me chiedo come cazzo fa a raccontà certe cazzate che…
RAGAZZO 1: Le cazzate che s’inventa? Eh, non c’ha limiti!
RAGAZZO 2: Infatti secondo me quello… ma come cazzo fa uno che non capisce un cazzo come lui a esse’ promosso, boh!
RAGAZZO 1: Perché fa pena. Pensano: povero testa de cazzo, promuoviamolo, sennò questo come cazzo fa se je tocca ripete’ l’anno…
RAGAZZO 2: Sì, ma uno che non capisce un cazzo come quello lì, e alla fine è promosso, è uno scandalo, eh! Io mi ci incazzo! Come cazzo se fa, dico io!
RAGAZZO 1: Che ti incazzi? Se sa che più uno è testa de cazzo e più va avanti.
RAGAZZO 2: Ma quello non è un testa di cazzo, quello nun sa un cazzo, che è diverso.
RAGAZZO 1: Nun sa un cazzo, ma è pure testa de cazzo, credime.
RAGAZZO 2: A me, me sta proprio sul cazzo.
RAGAZZO 1: Sapessi quanto sta sul cazzo a me. Io le teste de cazzo nun le sopporto, e lui più de tutti.
RAGAZZO 2: Lui se crede pure d’esse’ stò cazzo, sa? Lo vedi come cazzo s’atteggia certe volte…
RAGAZZO 1: E’ vero, mica se rende conto che non vale un cazzo come persona…
IO (senza pronunciare una parola mi alzo e mi allontano)
RAGAZZO 1: Che je avremo dato fastidio?
RAGAZZO 2: E stì cazzi. Che cazzo vole quello, mo’ nun se po’ manco parlà?
RAGAZZO 1: Sì, infatti stavamo solo a parlà, cazzo, manco che urlavamo.
RAGAZZO 2: Ma nun hai visto che faccia da cazzo che c’aveva? Sarà er classico fio de papà che se crede d’esse’ stò cazzo...
RAGAZZO 1: Un altro testa de cazzo. Semo circondati.
RAGAZZO 2: Che ce voi fa’, è un mondo der cazzo. C’è sempre qualcuno che rompe er cazzo…

6 commenti:

  1. Divertente ed estremamente realistico... purtroppo ^^.

    Simone

    RispondiElimina
  2. Se te lo legge Tarantino questo dialogo te lo ruba :)

    RispondiElimina
  3. Pungente al punto giusto.
    Temistocle

    RispondiElimina
  4. Ahò, manco in un firme de Rocco Siffredi...

    RispondiElimina
  5. Ovviamente é solo immaginato, eh! Nella realtà non potrebbe maaaaaai succedere ;-P

    RispondiElimina