sabato 1 settembre 2018

Il progetto fumettistico entra nel vivo

In un post di aprile avevo annunciato la mia intenzione di provare a creare una graphic novel, data la mia antica e mai spenta passione per il fumetto. Ho pensato: da anni sto provando a rendermi ridicolo proponendomi come scribacchino dilettante, perché non ampliare il campo e mostrare tutti i miei limiti anche come fumettista della domenica?
L'ostacolo primario - che sinora aveva salvato la mia reputazione - era l'incapacità di disegnare in modo decente, sommata all'attuale impossibilità di affrontare la spesa per retribuire un disegnatore professionale.
Come sapete ho in casa una disegnatrice in erba, però preferisco che ora si concentri sulla scuola che ripartirà a breve, quindi anche la soluzione autarchica era esclusa.
Però... però io ci tenevo tanto a rovinare la mia reputazione, cosicché ho cercato soluzioni alternative. Mi sono ricordato che, anche se io sono un uomo del millennio scorso, l'umanità è ormai maggiorenne nel XXI secolo e si è dotata di risorse che quando io ero giovane comparivano solo nei romanzi di fantascienza.
Per dire: già in precedenza ho potuto creare delle tavole fumettistiche sul blog grazie a un banale software con dei templates già pronti (personaggi e sfondi). Purtroppo quel software era davvero troppo limitato e non permetteva di andare oltre a delle semplici tavole umoristiche autoconclusive.
Ma ormai siamo nell'era del tridimensionale. Facendo una ricerca sul web ho scoperto quanto siano numerosi i programmi di grafica 3D attualmente in commercio. Tutti dispongono di templates pronti all'uso, a beneficio di chi non saprebbe disegnare neppure un pupazzo a bastoncini. Naturalmente gli utilizzatori finali ai quali si rivolgono sono per la maggior parte grafici e architetti, nonché gli sviluppatori di videogiochi.
Uno però era specifico per aspiranti fumettisti come il qui presente. Non era neppure troppo costoso...
Me lo sono concesso come regalo di compleanno (anticipato, perché in effetti l'ho comprato a luglio ;-) e da circa un mese sto fattivamente lavorando alla realizzazione del mio primo fumetto con velleità di auto-pubblicazione.
Cosa altro aggiungere? Solo che confermo quanto già detto nel post di aprile: sto tornando un ragazzino. Con riferimento all'ultimo post posso confermare che non sarò mai un adulto maturo e responsabile.
E quindi, concludendo, la stagione 2018/19 di questo blog ha come obiettivo i fumetti. Vorrei proporre il primo entro la fine dell'anno, e poi anche qualche altro nei mesi seguenti. Proprio così: già penso ai successivi senza neppure pormi il problema di attendere i risultati del primo, di appurare se piacerà o no, se il risultato sarà passabile o patetico. Io sto finalmente creando qualcosa che avrei voluto fare da trent'anni e tanto basta. Un po' come quella gente che adora cantare pur essendo stonata e che, in modo casuale, riceve la possibilità di esibirsi in un teatro. Accetta e basta, pur consapevole della figuraccia che farà: sa che un'occasione del genere probabilmente non gli capiterà mai più.

16 commenti:

  1. Ma che bello! Io lo voglio leggere assolutamente: adoro i tuoi fumetti. Se non mi vedi spesso in giro, avvisami pure per email quando uscirà! Ultimamente mi perdo i pezzi...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie, darò adeguata pubblicità alla cosa ;-)

      Elimina
  2. Forza Ariano! Tifiamo tutti per te!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono già partito in contropiede per tentare di fare gol :-D

      Elimina
  3. Faccio anch'io il tifo per te! Realizzare qualcosa che appassiona come è il caso per te con i fumetti è una cosa bellissima, hai fatto benissimo. Bravo Ariano!

    RispondiElimina
  4. Non vedo l'ora, sarà bellissimo. Sarò ancora tra i primi a prenderlo e a leggerlo.

    RispondiElimina
  5. Auguri e... Buon lavoro. Realizzare fumetti è un lavoro impegnativo. Son curioso di vedere il risultato. :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Entro la fine dell'anno spero di farcela ;-)
      Riguardo il risultato... beh, per me già poter creare un fumetto è comunque un successo.

      Elimina
  6. Alla faccia dell'"accidioso"! ;-D

    RispondiElimina
  7. Son curioso di leggere una tua storia a fumetti....parli di una graphic novel , deduco che la pubblicherai in formato cartaceo?
    Sicuramente saprai disegnare qualcosa , abbozzar un disegno ...anche se scrivi che non sei capace.
    Sennò cosa fa'? Tutto il computer?
    Mi dici come si chiama questo programma per aspiranti fumettisti?
    Son sempre stato bravino in disegno...e i fumetti sono una mia passione.
    in bocca al lupo per il tuo progetto.
    Massimiliano

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao, benvenuto. Un po' di pazienza e nei prossimi giorni ne saprete di più ;-)

      Elimina
  8. Risposte
    1. Grazie, ma non ti aspettare molto, sono solo un dilettante :-)

      Elimina